Lezioni americane di Italo Calvino applicate al mondo dei viaggi

Lezioni americane di Calvino applicate ai viaggi

Scritta titolo articolo

Tags:      

Italo Calvino è stato uno degli scrittori più rappresentativi della cultura italiana nel mondo. Nel 1985 lavorò ad una serie di conferenze che avrebbe dovuto tenere presso l’Università di Harvard. Purtroppo morì improvvisamente, ma gli scritti vennero pubblicati postumi da Garzanti.

Seguendo le linee guida mi sono divertita ad applicare i pensieri di Calvino rivolgendoli al mondo dei viaggi anziché alla letteratura, presentandoti le sue sei proposte per il millennio in corso.

Foto di Italo Calvino

Italo Calvino foto di The Guardian

LEGGEREZZA

“Se volessi scegliere un simbolo augurale per l’affacciarsi al nuovo millennio, sceglierei questo: l’agile salto improvviso del poeta filosofo che si solleva sulla pesantezza del mondo, dimostrando che la sua gravità contiene il segreto della leggerezza, mentre quella che molti credono essere la vitalità dei tempi, rumorosa, aggressiva, scalpitante e rombante, appartiene al regno della morte, come un cimitero d’automobili arrugginite”.

Le lezioni americane iniziano con la considerazione della leggerezza in un mondo che sta diventando sempre più occlusivo nelle vite delle persone.

Lo stress, il lavoro, il malessere psicofisico ci portano alla deriva di una società sempre più strumentalizzata e abbattuta.

Qui si inserisce l’importanza del viaggio per cambiare prospettiva, per attenuare le tensioni e ritornare in superficie. La spensieratezza di quando eravamo piccoli si insinua nuovamente nelle pieghe della nostra anima.

Come la letteratura necessita di non essere inutilmente grave così la nostra vita ha bisogno di alleggerire la mente e ripristinare i nostri valori predefiniti.



wimdu

RAPIDITÀ

“Come il poeta in versi così per lo scrittore in prosa, la riuscita sta nella felicità dell’espressione verbale, che in qualche caso potrà realizzarsi per folgorazione improvvisa, ma che di regola vuol dire una paziente ricerca del mot juste, della frase in cui ogni parola è insostituibile, dell’accostamento di suoni e di concetti più efficace e denso di significato”.

Allo stesso modo noi dobbiamo cercare la meta che ci colpisce diretta al cuore. Quella che quando vediamo apparire in foto ci lascia senza fiato.

Ognuno di noi deve carpire le proprie preferenze e trasformarle in luoghi. Una freccia scoccata che arriva diretta alla destinazione senza intoppo alcuno.

Io, per esempio, so che i miei posti del cuore saranno sempre i Caraibi e anche se mi piaceranno altri luoghi che visiterò, i miei ricordi ritorneranno sempre lì. E tu dove sei diretto?

Beach and Snow - 468x60

ESATTEZZA

“La precisione per gli antichi Egizi era simboleggiata da una piuma che serviva da peso sul piatto della bilancia dove si pesano le anime. Esattezza vuol dire per me tre cose:

  • un disegno dell’opera ben definito e ben calcolato;
  • l’evocazione d’immagini visuali nitide, incisive, memorabili; 
  • un linguaggio il più preciso possibile come lessico e come resa delle sfumature del pensiero e dell’immaginazione.

Mi sembra che il linguaggio sia sempre usato in modo approssimativo, casuale, sbadato, e ne provo un fastidio intollerabile.”

A proposito dell’approssimazione vorrei riferirmi alla superficialità con la quale molti viaggiatori si approcciano alle culture che visitano.

Ogni paese attraversato è un piccolo regno dove vigono usi e consuetudini differenti dai nostri e come tali vanno rispettati. Possono sembrare inutili, antiquati o assurdi ma restano il patrimonio genetico di una nazione.


zooplus.it

VISIBILITÀ

“Tutte le realtà e le fantasie prendono forma solo attraverso la scrittura, nella quale esteriorità e interiorità, mondo e io, esperienza e fantasia appaiono composte della stessa materia verbale; le visioni polimorfe degli occhi e dell’anima si trovano contenute in righe uniformi di caratteri minuscoli o maiuscoli, di punti, di virgole, di parentesi; pagine di segni allineati fitti fitti come granelli di sabbia rappresentano lo spettacolo variopinto del mondo in una superficie sempre uguale e sempre diversa, come le dune spinte dal vento del deserto”.

Ho sempre pensato che viaggio e fantasia siano correlati. Da una parte l’azione, dall’altra il pensiero. Quando ci si organizza l’itinerario da soli e come se si viaggiasse due volte.

Prima il paese è un qualcosa di nebuloso e poco chiaro poi tutto quello che avevamo visto nelle foto e nelle immagini prende vita espandendo colori e profumi.

Il primo senso attivato è la vista, seguono in successione l’udito, l’olfatto e il gusto. L’esperienza si moltiplica e ci avvolge completamente.

MOLTEPLICITÀ

“La letteratura vive solo se si pone degli obiettivi smisurati, anche al di là di ogni possibilità di realizzazione. Solo se poeti e scrittori si proporranno imprese che nessun altro osa immaginare la letteratura continuerà ad avere funzione”.

In una parola “sii audace”. Quando ti trovi in un paese straniero, dove nessuno ti conosce, puoi scegliere di essere chi vuoi. Puoi osare facendo qualcosa che a casa non avresti mai fatto perché ti sentiresti giudicato da chi ti è vicino.

Puoi espandere i tuoi confini e allargare i tuoi limiti. Nessuno te lo impedisce se non il tuo stesso io. Diventa protagonista della tua esistenza e raccogli dentro di te ricordi indelebili.

Esprimi la tua vera identità e ti sorprenderai vedere cosa sei capace a fare.

banner generici 468 x 60

CONSISTENCY (SOLIDITÀ)

“L’inizio è il luogo letterario dell’eccellenza perché il mondo di fuori per definizione è continuo, non ha limiti visibili. Studiare le zone di confine dell’opera letteraria è osservare i modi in cui l’operazione letteraria comporta riflessioni che vanno al di là della letteratura ma che solo la letteratura può esprimere”.

L’inizio è la parte più difficile di un viaggio. Quando sono partita per il tour del Centro America di sei mesi ero terrorizzata.

Continuavo a ripetermi che stavo commettendo una pazzia, che me ne sarei pentita. Credevo di soffrire di solitudine senza amici e famiglia.

Il traguardo più importante che ho raggiunto è stato proprio quello di rendermi conto che da sola basti. Tutto ciò di cui hai bisogno lo devi trovare in te.

Sei tu il punto fermo della tua vita, tutto il resto è mutevole e inaffidabile. Bisogna imparare a camminare da soli se si vuole trovare la forza dentro di noi.

E ti assicuro che una volta che avrai anche solo percepito questa fonte di pienezza non sarai più lo stesso. Le vicissitudini ti potranno piegare ma tu resterai sempre la luce che illuminerà la tua strada. Quindi molla gli ormeggi e lasciati andare!

 728x90 Baggage Allowance

what do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.