Piano di viaggio con Google Travel: organizzazione e ricerca informazioni

piano di viaggio con google travel

Come creare un piano di viaggio con Google Travel? Semplicemente seguendo le indicazioni che ti sto per dare: prendi nota e prenota!

Alla scoperta di Google Travel ho avuto un tuffo al cuore perché ho subito pensato al mio blog. Mi sono detta: “È finita! Chi leggerà più gli articoli?” e invece, osservandolo meglio, ho capito che è uno strumento a supporto del viaggio e non un sostituto del blog.

Su Google Travel manca infatti il fattore umano ed emozionale che viene così ben descritto nei racconti di viaggio e che arricchisce di particolarità e dettagli un determinato luogo.

Integriamolo dunque, senza alcuna paura, al nostro progetto di viaggio e accogliamone gli aspetti che facilitano la ricerca di informazioni e il confronto con altri strumenti.

 

Piano di viaggio con Google Travel

 

Trovi il sito a questo indirizzo e dalla pagina principale puoi già iniziare a sfogliare gli aspetti a te più interessanti. Il menu principale si suddivide in:

  • viaggi;
  • esplora;
  • cose da fare;
  • voli;
  • hotel;
  • case vacanze.

Non è necessario approfondire queste voci perché immagino tu sappia esattamente a cosa corrispondono. Devi però sapere che, oltre a queste sezioni, cliccando sulla barra principale, sopra le tre lineette (accanto alla scritta colorata Google, per intenderci), troverai altri utili pulsanti.

Due in particolare: prezzi dei voli monitorati e impostazioni di Google Viaggi. Gli altri due sono di ordine informativo e corrispondono alla guida e ai commenti. 

Grazie a Google puoi monitorare l’andamento dei prezzi sui voli e per farlo ti consiglio di andare sulle impostazioni e di attivare l’allerta. Anche le altre due voci sono da spuntare per ricevere avvisi sui prezzi dell’hotel e per ottenere dei suggerimenti di viaggio.

 

schermata impostazione google travel

 

Cose da fare

La sezione più interessante del sito è “cose da fare” dove vengono elencati i monumenti più famosi, le località più visitate o i musei più frequentati. In questo modo si può iniziare a stilare una lista in base al tempo di permanenza.

Ti basterà, infatti, prendere nota dei suggerimenti principali e valutare in base ai tuoi gusti quali possano essere incasellati nel tuo piano di viaggio. Se non sei un amante dei musei puoi tralasciarli e concentrarti sui monumenti o sulle località che ti ispirano maggiore attrazione.

 

Crea un viaggio

Nel riquadro “prossima fermata” puoi organizzare per intero un viaggio inserendo la città di partenza, la destinazione e le date per ricevere tutte le informazioni in merito.

In questo modo il tuo piano di viaggio con Google Travel e già quasi pronto perché ti verranno indicati non solo i luoghi e i siti da visitare che potrai aggiungere al tuo viaggio come nota da ricordare ma anche le avvertenze di viaggio, le condizioni meteo e la percentuale di hotel e voli disponibili.

Oltre, ovviamente, l’aggiornamento costante sul monitoraggio del coronavirus e il riepilogo dei casi locali qualora ci fossero dati importanti da registrare.

Una volta salvato il viaggio lo ritroverai in qualsiasi momento vorrai: ti basterà ritornare sul sito e ti verranno subito segnalate le ricerche fatte anche a distanza di anni.

 

 

Altri strumenti utili di Google per noi viaggiatori li trovi in questi articoli:

 

Suggerimenti per creare piani di viaggio efficaci:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *