Articoli

Creare una mappa mentale dei viaggi è utile per non dimenticare importanti spunti e tenere sempre l’organizzazione sotto controllo. Si fa presto a lasciare a casa qualche documento, dimenticare di inserire un’escursione imperdibile o avere una scarsa liquidità a disposizione.

Onde evitare spiacevoli sorprese e godere al massimo la vacanza, ti consiglio di seguire le indicazioni che ti lascio, così da avere un punto di riferimento da usare in qualsiasi avventura tu voglia affrontare.

 

Come usare la mappa mentale dei viaggi

 

Nella lista sono elencate diverse voci che andremo a sviscerare. Per rendere l’immagine più intuitiva ho usato una mappa mentale che aiuta a memorizzare le varie voci:

 

Mappa voci viaggi

 

Le primissime scelte da fare riguardano la destinazione, il numero dei partecipanti, la durata del viaggio e, al momento, l’attuale situazione Coronavirus.

 

COSTI

Decidendo la meta, la durata, la struttura ricettiva e chi sarà presente, si potranno già abbozzare i costi di partenza del viaggio.

Una volta che avrai un’idea parziale della spesa, potrai decidere di aggiungere le varie escursioni. Dovrai, inoltre, controllare i documenti necessari per aggiungere eventuali spese non calcolate.

Se avevi fissato un budget puoi ora muoverti all’interno di quel calcolo per sistemare le altre voci relative al costo come l’utilizzo della city pass, la liquidità necessaria e le spese per i collegamenti.

 

 

MEZZI DI TRASPORTO

Hai già deciso come raggiungerai la tua destinazione? Hai vagliato le varie offerte e proposte? 

Le opzioni sono diverse e valgono per l’aereo, il bus, il treno, l’auto o qualsiasi altro mezzo tu ti senta a tuo agio… Ti serviranno vari servizi di trasporto per muoverti quando raggiungerai il tuo luogo di villeggiatura e quindi ti consiglio di anticipare già un piano di utilizzo.

Per esempio, se arrivi in una città europea con l’aereo, dovrai informarti come raggiungere l’hotel dall’aeroporto, decidere i mezzi con cui muoverti in centro e vagliare quelli con cui fare le escursioni. 

SITUAZIONE CORONAVIRUS

In questo periodo è molto importante essere al corrente delle varie direttive europee e mondiali sulla pandemia del Coronavirus. A questo proposito ho scritto un articolo parlandoti di un’applicazione che ti aggiorna costantemente sui cambiamenti in Europa mentre per il mondo ti consiglio di visitare il sito della Farnesina

 

 

TEMPISTICA

Uno degli errori più frequenti (che faccio anch’io) è quello di sottovalutare le tempistiche di visita dei siti, dei musei o degli spostamenti. Ciò rovina l’itinerario di viaggio fatto in precedenza obbligandoci a saltare qualcosa o a velocizzare i tempi.

Ti consiglio, pertanto, di fare un calcolo approssimativo ma il più corretto possibile dei tempi di percorrenza e di valutare un minimo di una o due ore per le visite ai musei, castelli, siti archeologici, eccetera.

VALIGIA

Nella mappa mentale dei viaggi non può di certo mancare la valigia: l’elemento indispensabile per ogni viaggiatore.

Scegli qualcosa di pratico e poco ingombrante seguendo i consigli che ti ho lasciato in questo articolo affinché i tuoi spostamenti non siano disagevoli. 

 

 

INFORMAZIONI, CONNESSIONE, DOCUMENTI E NUMERI UTILI

L’ultimo step è fare un controllo delle informazioni pratiche quali l’uso dell’adattatore, consigli degli altri viaggiatori e recensioni dei siti turistici.

Cerca l’ufficio del turismo: si trova di solito posizionato nella piazza principale o in aeroporto.

Controlla se la tua struttura ricettiva è dotata di connessione o se si renda necessario l’acquisto di una Sim. Fai un ultimo check ai documenti personali affinchè non siano scaduti e fai delle fotocopie o degli screenshot dei titoli di viaggio.

Per terminare, inserisci nel telefono i numeri della tua banca per bloccare la carta di credito, il numero dell’hotel e quello del referente per le escursioni.

Quando tutto sarà completato e avrai spuntato le voci della tua mappa mentale dei viaggi allora potrai goderti totalmente la tua vacanza!

Ti piacerebbe fare più escursioni fuori porta ma non sai con chi andare? La soluzione in questo caso è una e si chiama Meeters. Si tratta di una community virtuale che poi si riunisce nel reale per fare gite ed escursioni nel weekend.

L’ideale per chi ha amici, parenti, compagni o conoscenti pigri che preferiscono trascorrere il fine settimana sul divano piuttosto che partire alla scoperta di qualche luogo sconosciuto vicino casa.

La soluzione è perfetta perché attraverso Meeters si può conoscere gente nuova e visitare luoghi immersi nella natura o passeggiare nelle città d’arte, a pochi chilometri di distanza da casa.

Tutto questo affinché tu non debba allontanarti troppo o annoiarti facendo un’escursione in solitaria.

 

Gite in compagnia di amici

 

Serve iscriversi alle escursioni fuori porta?

 

Sebbene Meeters sia presente nel sito online e nel gruppo Facebook è essenzialmente un’associazione e, di conseguenza, va pagata una tassa di iscrizione.

La quale, ha un prezzo piuttosto irrisorio in quanto si determina in 25 € annuali che, come piace sottolineare alla compagnia, corrisponde all’incirca a 5 birre o all’iscrizione in palestra.

Dopo esserti iscritto potrai selezionare le uscite che ti interessano in base alla regione di appartenenza. Al momento le regioni in cui avvengono gli incontri Meeters sono:

 

Si può portare il cane in base all’esperienza di viaggio e comunque è meglio informarsi leggendo le avvertenze di ogni singola escursione in programma.

L’obiettivo delle escursioni fuori porta è quello di visitare dei posti unici e di stringere amicizie affinché si formi un gruppo solido che possa ritrovarsi con una certa frequenza.

Seguendo questa logica, dunque, gli incontri sono organizzati senza limiti di età. Possono, quindi partecipare sia chi non ha ancora iniziato l’università che la persona già in pensione. Un modo per confrontarsi e rendere il gruppo il più diversificato possibile.

Come muoversi in Veneto con i mezzi pubblici e quali sono i siti (se ci sono) per prenotare in anticipo i biglietti? Vediamoli assieme… L’articolo è dedicato interamente a elencare quali siano le compagnie pubbliche e private presenti nel territorio veneto con cui spostarsi.

Sono molte le attrattive presenti in Veneto e pensa che ogni anno la regione del nord Italia richiama oltre 40 milioni di visitatori, risultando la prima in classifica per afflusso turistico.

All’interno del blog, nella sezione “Racconti di Viaggio – Italia” ho scritto molti articoli inerenti ai luoghi veneti da visitare. Abitando in questa magica regione è normale che l’incidenza maggiore dei resoconti di viaggio propenda in questa direzione!

A titolo esemplificativo ti lascio questi due articoli da consultare:

 

 

Viaggiare in treno

 

Per il treno puoi affidarti a Trenitalia o Italo per le tratte dirette. La regione è ottimamente collegata anche se, come accade in tutte le linee italiane, gli intoppi non mancano.

Comunque ti basterà inserire le città nella mascherina di ricerca su Trenitalia per trovare le varie connessioni. Puoi anche scaricare l’applicazione evitando di acquistare il biglietto in loco, risparmiando consumo di materiale e tempo.

Aggiungerei anche qualche arrabbiatura per non trovare un punto vendita o la macchina obliteratrice.

 

Le destinazioni venete presenti su Italo sono:

 

 

 

Viaggiare in bus o corriera

 

Oltre ai classici bus cittadini dove dovrai acquistare necessariamente i biglietti in edicola o in alcuni casi a bordo con il sovrapprezzo, esistono diverse compagnie di corriere suddivise per provincia.

A raggruppare due province è Bus Italia Veneto dove non si possono acquistare i biglietti online ma si possono trovare indicazioni sui punti vendita. 

La compagnia fa parte di Ferrovie dello Stato e a volte sostituisce le corse dei treni. Tienilo a mente quando dovrai calcolare i tempi di viaggio perché risulteranno inevitabilmente più lunghi.

Il sito ti aiuterà a fare le tratte:

  • da Padova all’area di Rovigo e viceversa, fino a Chioggia e Sottomarina;
  • Padova e vicentino e viceversa compresi i comuni padovani di Cittadella, Camposampiero, Limena, eccetera;
  • centro di Padova e Treviso e viceversa.

 

La bellezza delle montagne vicino al lago

 

La Società Vicentina Trasporti, come avrai immaginato, opera nella provincia di Vicenza. I biglietti si possono acquistare online tramite le applicazioni esterne Mycicero e DropTicket pagando con credito bancario o telefonico.

Come muoversi in Veneto e più precisamente nella provincia di Treviso? Con Mobilità di Marca è la risposta corretta! Scaricando l’applicazione Momup di proprietà della già citata Mycicero puoi acquistare i biglietti online con credito bancario o telefonico.

ATV ti porta in giro per la provincia veronese dove non potrai acquistare i biglietti online ma nei punti vendita o a bordo con un sovrapprezzo. 

Dolomiti Bus come potrai immaginare ti porterà a spasso fra le meravigliose Dolomiti e in tutta la provincia di Belluno. Niente ticket online ma acquisti nei punti vendita accreditati.

ACTV è la compagnia che ti permette di scoprire la provincia di Venezia. Ma se hai intenzione di visitare Venezia ti consiglio di acquistare la card Venezia Unica. Con questa puoi spostarti anche con i traghetti e visitare le isole lagunari.

 

Come muoversi in Veneto: Venezia antica e moderna

 

Viaggiare con il traghetto

 

La linea di traghetti è attiva solo a Venezia e ti porterà a scoprire le isole della laguna. Se sei veneto ti conviene fare la carta Venezia Unica e usufruire degli sconti. Una corsa costa 1,50€ al posto di 7,50€!

Direi conveniente, non trovi?

In ogni modo tu decida di viaggiare puoi scaricare l’applicazione AVM App per gli acquisti di biglietti online o servizi di ricarica.

 

Come muoversi in veneto: Ristorante nella diga

 

Come muoversi in Veneto fra gli aeroporti

 

Gli aeroporti veneti sono 3:

  • Marco Polo a Venezia;
  • Valerio Catullo a Verona;
  • Antonio Canova a Treviso (temporaneamente chiuso).

 

Treviso:

Tutti i voli programmati dall’aeroporto di Treviso al momento sono operati dall’aeroporto di Venezia. È attivo, però, il collegamento tra l’aeroporto Marco Polo di Venezia e Treviso città con 6 corse giornaliere. Consulta il sito www.atvo.it per informazioni sugli orari e le tariffe.

Verona:

Il servizio Verona Airlink collega il centro città e la stazione FS Verona Porta Nuova con l’aeroporto Catullo di Villafranca. Le corse si effettuano tutti i giorni ogni 40 minuti a partire dalle ore 6.30 fino alle ore 19.50. 

Nel giro inverso dall’aeroporto al centro città o stazione la prima partenza è alle ore 6.50 poi ogni 40 minuti fino alle 20.10. L’autobus è attrezzato per il trasporto delle persone disabili.

Venezia:

I collegamenti principali interessano piazzale Roma a Venezia e la stazione dei treni a Mestre ma l’aeroporto è raggiungibile da diverse località turistiche in Veneto. Per avere un resoconto dettagliato connettiti alla pagina ufficiale. 

I biglietti si possono prenotare anche online tramite la piattaforma esterna Omnio. Trovi la recensione in questo link

Consulta anche il sito di Flixbus per avere informazioni su alcune corse in vigore nei collegamenti principali di Venezia centro, Mestre e aeroporto.

 

immagine di padova antica città d'acqua da prato della valle alla basilica del santo

 


I siti che ti ho elencato utili per come muoversi in Veneto li puoi trovare a questi link:

Vorresti sapere in anticipo qual è il tragitto dall’aeroporto al centro città da seguire ogni volta che viaggi senza cercare ore e ore su internet? Una soluzione c’è e si chiama “Aeroporti del Mondo”.

All’interno puoi trovare le informazioni inerenti a ben 760 aeroporti suddivisi per nazioni e continenti costantemente aggiornati a ogni cambiamento tecnico. 

Come funziona?

 

Il sito ha la fortuna di essere estremamente semplice e intuitivo, adatto quindi a ogni livello di navigazione, in quanto contiene solo informazioni specifiche dell’aeroporto ricercato. 

Sul pannello di ricerca ti basterà inserire il nome della città dove atterrerai per essere indirizzato, tramite la conferma dell’invio, alla destinazione aeroportuale. 

La struttura della pagina è così costruita:

  • codice IATA necessario al settore turistico per riconoscere i vari aeroporti;
  • breve storia dell’aeroporto
  • nome ufficiale
  • recapiti telefonici
  • sito web
  • numero di terminali presenti

 

tragitto dall'aeroporto al centro città

 

Seconda parte

 

La seconda parte della pagina riguarda le informazioni pratiche ed è suddiviso per categorie. Qui la situazione si fa più interessante per noi viaggiatori perché possiamo scoprire qual è il tragitto dall’aeroporto al centro città più conveniente per le nostre esigenze.

 

Le categorie elencate sono:

  • trasporto;
  • autonoleggio;
  • servizi;
  • passeggeri con disabilità;
  • parcheggio;
  • hotel

 

Leggendo queste informazioni potrai iniziare a organizzare al meglio il tuo viaggio e conoscendo le fermate della metro, del bus, del treno o di qualsiasi altro mezzo di trasporto decidere anche dove alloggiare.

Grazie ai servizi di autonoleggio indicati potrai contattare in anticipo le compagnie per avere maggiori informazioni su un eventuale affitto dell’auto o controllare direttamente sul web.

I servizi intendono, invece, i negozi presenti in aeroporto per fermarsi a fare acquisti o mangiare qualcosa nell’attesa del volo di rientro. Utili anche le informazioni se si viaggia con un compagno disabile al fine di sapere come organizzarsi prima della partenza.

Se affitti l’auto ti interesserà sapere anche dove si trovano i parcheggi per lasciarla al ritorno o avere una lista di hotel da consultare in caso di indecisione e come suggerimento iniziale. 

Puoi anche decidere a fine viaggio di lasciare una valutazione generale sull’aeroporto in modo da aiutare altri viaggiatori come te e me a conoscere tutti gli aspetti incontrati.

 

dall'aeroporto al centro città

 

Una chicca davvero notevole, non trovi? 

Io da quando l’ho scoperto quasi per caso, non l’ho più abbandonato e lo uso come metodo principale per organizzare il mio viaggio nei minimi dettagli valutando le opzioni di trasporto e a seguire, la zona in cui soggiornare. 

Un altro strumento utile che uso in abbinamento è Rome2Rio che permette anch’esso di scoprire i mezzi pubblici da utilizzare e viene fatto un calcolo del tempo se ti serve comunicarlo all’hotel o alla struttura ricettiva nella quale soggiornerai.

 

Il sito di Aeroporti del mondo lo trovi a questo link

Lo sai come fare per creare un account da viaggiatore su TripAdvisor? Forse non ne sei al corrente ma ora TripAdvisor è più social che mai! Negli ultimi anni, infatti, ci sono stati vari cambiamenti che hanno portato il sito a diventare più interattivo e capace di creare una community.

Non ha moltissime funzioni ma tra queste c’è la possibilità di essere seguiti, inserire dei like e creare o guardare una bacheca con le immagini di viaggio più belle.

A queste, ovviamente, saranno collegate le recensioni che potranno essere lette, giudicate e commentate in tempo reale dai tuoi follower. 

 

Zaful WW

 

Iscrizione al sito

 

La prima cosa da fare è iscriversi e creare il profilo con i propri dati personali inserendo, se si vuole, il sito internet o l’indirizzo del blog qualora ne avessimo uno.

Una volta che avrai creato la tua pagina potrai abbellirla mettendo la tua foto e una foto di copertina, come si usa fare con il più rinomato social Facebook.

 

La tua pagina comparirà a questo punto provvista di:

  • Nickname (il nome che hai scelto)
  • Numero di contributi (le recensioni che hai scritto)
  • Follower (numero delle persone che ti seguono)
  • Following (numero di persone che segui)

 

Più sotto, un menu a scomparsa presenta le seguenti sezioni:

  • Feed attività (pagina principale con le ultime recensioni o foto inserite)
  • Viaggi (le liste dei tuoi viaggi create direttamente su TripAdvisor)
  • Foto
  • Recensioni
  • Forum (dove puoi connetterti con gli altri utenti)
  • Distintivi (punti che guadagni con le recensioni)
  • Mappa dei viaggi (puoi creare una mappa indicando tutti i luoghi che hai visitato)

 

Infine sulla sinistra, puoi vedere due mascherine a indicare la prima la tua biografia in breve (se decidi di scriverla) e la seconda i link per inserire le recensioni e le foto. 

Nel menu principale, invece, trovi i bottoni di scelta rapida per pubblicare (pubblica), creare liste di viaggio (viaggi) e il luogo dove arrivano i messaggi che scambi con gli altri utenti (posta in arrivo).

Se vuoi seguire il mio account mi trovi a questo indirizzo.

 

Foto del mio account su TripAdvisor

 

Ma cos’è TripAdvisor?

 

TripAdvisor è un utile strumento da utilizzare per l’organizzazione del tuo viaggio. Grazie alle recensioni puoi sapere se la struttura che hai prenotato ha qualche problema, quali sono i luoghi più visitati, quali attività fare e dove si trovano i migliori ristoranti.

Mi raccomando, in questo contesto, di prenderti il tempo per leggere approfonditamente le recensioni perché, a volte, sono scritte in modo superficiale e parlano di disservizi, soprattutto per gli hotel, alquanto banali.

Sta a te valutare cos’è importante nella scelta di una struttura e decidere quali attività o località si accostano meglio ai tuoi gusti personali.

Proprio per questo motivo TripAdvisor è stato spesso criticato ma, a mio avviso, rimane un utile servizio utile per vagliare a grandi linee un itinerario di viaggio

Oltre alle recensioni puoi prenotare un hotel, una crociera, un tour, pacchetti vacanza, l’autonoleggio e di conseguenza preparare qui il tuo prossimo viaggio. Gli acquisti non sono fatti direttamente sul sito di TripAdvisor ma sarai inviato a un sito affiliato. 

Sei pronto/a a creare il tuo account da viaggiatore su Tripadvisor? 

Come muoversi a Ischia? Sarà la domanda che ti farai raggiungendo l’isola. Io ti suggerisco i mezzi pubblici ma preparati all’avventura!

Per quale motivo? Perché nei periodi di maggiore affluenza turistica saranno carichi di persone che come te avranno deciso di affidarsi a loro. Potrai scegliere comunque soluzioni alternative che ti elencherò di seguito.

Affittare un auto o un motorino

 

Questa potrà sembrare la soluzione più comoda ed efficace ma bisognerà fare i conti con il traffico e la ricerca spasmodica dei parcheggi. Inoltre, è bene che tu sappia che le strade sono strette e piene di curve per cui non sarà semplice guidare in sicurezza.

In alternativa potresti optare per un motorino ma devi fare estrema attenzione alle zone a traffico limitato e di nuovo a dove parcheggerai il mezzo. Se vuoi informarti in anticipo, prima di approdare all’isola sui costi e le varie opzioni, prova a contattare queste agenzie di noleggio:

 

Veduta dal castello

Veduta dal Castello Aragonese

Autobus

È il mezzo più usato e proprio per questo il più abusato. Spesso mi è capitato di rimanere a terra perché troppo pieno o di rimanere schiacciata all’interno come una sardina!

In ogni caso il prezzo del biglietto è irrisorio e va da:

  • 1,50€ per la corsa singola, a bordo 2,00€;
  • 1,80€ per 100 minuti compreso cambio bus;
  • 4,50€ per il biglietto giornaliero;
  • 11€ per i 3 giorni;
  • 14,50€ per il settimanale;
  • 33,60€ per il mensile;
  • 235,20€ per l’annuale.

Per fortuna gli autobus passano di frequente e ce ne sono diversi in base alla destinazione desiderata. Il punto principale da cui partono tutti i bus per l’isola è Ischia Porto e si dovranno convalidare all’interno i titoli di viaggio.

In generale possono andare verso destra o verso sinistra, ti sarà utile capire la differenza per evitare di percorrere troppo tempo nell’autobus. La differenza tra CD e CS è molto semplice:

CD significa “Circolare Destra” e passa attraverso i comuni di Ischia Porto, Barano, Fontana, Serrara, Cava Grado, Forio, Lacco Ameno, Casamicciola e di nuovo Ischia Porto.

CS significa “Circolare Sinistra” e visita i comuni di Ischia Porto, Casamicciola, Lacco Ameno, Forio, Cava Grado, Serrara, Fontana, Barano e, infine, Ischia Porto.

Le altre linee sono dalla numero 1 alla 16 e dalla 21 alla 24 e le trovi a questo link corredato dagli orari invernali o estivi.

 

Ceramica con cartina isola di ischia

Taxi Boat

Stai pensando che non riusciresti mai a imbottigliarti in un bus carico di persone? La scelta potrebbe ricadere sul servizio dei Taxi Boat ma i prezzi saranno decisamente più elevati.

I tragitti compiuti sono il giro completo dell’isola, dalla Baia di Sant’Angelo a Fumarole, Cavascura, Olmitello, Maronti e Petrelle, oppure Citara, Forio, Lacco Ameno, Casamicciola, Ischia Porto, Castello Aragonese e Grotta del Mago.

Per avere un’idea generali sui prezzi ti consiglio di consultare questo link dove trovi i percorsi con i relativi prezzi aggiornati al prezzo attuale.

 

Come muoversi a Ischia in Taxi (auto)

I taxi si dividono in due categorie:

  • singoli
  • collettivi

I primi li puoi fermare ovunque, prenotarli dall’hotel o chiamare al telefono e ti portano in qualsiasi punto dell’isola tu voglia. I prezzi sono quelli di mercato come se tu viaggiassi in qualsiasi città italiana.

I secondi, invece, eseguono delle tratte specifiche e la cosa più interessante è che sono condivisibili con altre persone, riducendo in questo modo il prezzo della corsa.

Ad esempio potresti spendere solo 5€ da un paese all’altro evitando così la seccatura di attendere l’arrivo del bus e di rimanere in piedi per mancanza di posto a sedere.

 

 

Come raggiungere Ischia?

 

Dopo aver scoperto come muoversi a Ischia immagino vorrai sapere come raggiungere Ischia da Napoli, pertanto ti consiglio di dare un’occhiata all’articolo che ho scritto in precedenza:

All’interno troverai i mezzi per raggiungere il porto di Napoli e come raggiungere il porto di Napoli dall’aeroporto Capodichino.

 

Volevo lasciarti dicendo che Ischia è una meta fantastica che mi ha sorpreso per la sua particolarità e la ricchezza paesaggistica, artistica e culturale. Vedrai che non ti deluderà ma anzi ti farà venire voglia di tornarci nuovamente!

Servono informazioni su come muoversi a Città del Guatemala con i mezzi pubblici? Nell’articolo troverai tutte le risposte di cui necessiti.

La capitale del Guatemala offre numerose attrattive ma la prudenza e d’obbligo in questa città perché numerosi sono i casi di furti e scippi ai danni dei turisti.

Ecco perché è importante viaggiare informati ed essere responsabili delle scelte che si fanno onde evitare seccature o pericoli maggiori. Purtroppo Città del Guatemala presenta delle zone da evitare. 

Indicazioni su come muoversi a Città del Guatemala

 

È il dipartimento in cui si trova la capitale nuova e da dove probabilmente arriverai per conoscere il territorio guatemalteco. Ci sono zone sicure e zone in cui è meglio non addentrarsi.

Guarda la cartina qui: https://bit.ly/2CElM6r

Città del Guatemala, conosciuta come Guate, offre i servizi di una tipica capitale con ogni sorta di negozi, hotel e locali. A fianco o nascoste in vie laterali si affacciano baraccopoli dove vivono le persone più disagiate. Chi la visita ha giudizi contrastanti: ad alcuni piace per il motore creativo e artistico che esprime, altri la detestano per i fastidiosi contrasti tra ricchezza e povertà.

Trasporti pubblici

Si divide in 13 zone e le attrattive principali si trovano nella zona 1, 10 e 13. L’aeroporto La Aurora si trova nella zona 13 quindi se hai intenzione di saltare la visita alla capitale o di rimanerci per pochi giorni, ti consiglio di cercarti l’hotel in questa zona. Per raggiungere le varie località in Guatemala puoi affidarti ai famosi Shuttle prenotandoli direttamente dall’hotel o in qualche agenzia di viaggio.

Uno dei problemi più grandi nella capitale è quello dei servizi urbani. Gli autobus rossi locali che portano i viaggiatori fra una zona e l’altra sono spesso coinvolti in furti e aggressioni a scapito dei turisti, per cui vengono sconsigliati dalle autorità locali. Rimangono dunque a disposizione i taxi, la TransMetro e il TransUrbano.

 

 

I taxi sono sicuri ma bisogna contrattare il prezzo al momento della salita altrimenti i prezzi tendono a essere più alti di quelli effettivi. Si trovano un po’ dappertutto e si fermano attirando la loro attenzione alzando un braccio.

La TransMetro è una compagnia di autobus di colore verde che corre su una corsia preferenziale e il biglietto è precedentemente acquistato in modo da ovviare il problema dei furti. Le fermate sono poche e selezionate, in modo da avere un servizio celere e comodo. In questo link puoi trovare tutte le tratte che vengono eseguite: https://bit.ly/2HVyMIs

Il TransUrbano è un’altra compagnia di autobus sicura che viaggia però in modo più lento perché non ha delle corsie preferenziali. Il livello di sicurezza è garantito dato che l’acquisto del biglietto avviene prima di salire in chioschi appositi e solo esibendo un documento di identità o il passaporto. Si acquista la carta magnetica di viaggio nella stazione degli autobus Centro Norte nella zona 10 o in Plaza Barrios nella zona 1.

 


Per informazioni più generalizzate su come muoversi in Guatemala consulta questo link in cui ne parlo in modo più approfondito:

Per altri articoli di approfondimento sul Guatemala da’ un’occhiata qui:

Gli itinerari viaggio fai da te sono uno strumento pratico e utile per organizzare le visite da fare e il budget da spendere. Si tratta, in sostanza, di mettere nero su bianco il programma che abbiamo ideato prima di partire.

Come fare un itinerario di viaggio

 

Il metodo più efficace per avere tutto sotto controllo è annotare i vari spostamenti, gli indirizzi e gli orari inerenti al nostro prossimo viaggio. Questo per essere pronti nel momento giusto, senza perdere tempo a consultare siti, applicazioni, email o documenti.

Se non sei il tipo di persona avvezza ad avere un block notes con sé, ti consiglio di prendere esempio dall’immagine che ti ho messo qui sotto, in modo da creare gli itinerari viaggio fai da te ideali.

I punti fondamentali che dovrai assolutamente segnare saranno i seguenti:

  • Orario di partenza e di arrivo dell’aereo
  • Numero di riferimento dell’aereo
  • Dettagli dell’hotel corredato da link pagina prenotazione e indirizzo per il navigatore
  • Lista delle cose da fare, da vedere e le indicazioni per i tour organizzati
  • Budget previsto

A questi si dovranno aggiungere i riferimenti delle agenzie che organizzano le gite (qualora ve ne fossero), gli orari e i contatti dei responsabili da chiamare in caso di problemi.

Solitamente i tempi di visita previsti non vengono mai rispettati e quindi si dovrebbe calcolare un lasso di tempo maggiore, al fine di poter effettuare tutte le visite prefissate.

Un’altra voce che viene costantemente disillusa è quella del budget, perché spesso si spende più di ciò che si prospetta; anche in questo caso vanno considerate le spese extra per non avere una brutta sorpresa.



Dove conservare tutti i dati scritti?

 

L’itinerario di viaggio sarebbe bene conservarlo in qualche tasca o portafoglio che sappiamo avere sempre con noi, in modo da consultarlo in caso di necessità.

A questo proposito ti voglio segnalare un portafoglio bellissimo che ho scovato su Amazon che permette di tenere i titoli di viaggio, le tessere e i vari pass, le chiavi, i soldi e anche il nostro piccolo itinerario cartaceo racchiusi all’interno di un singolo contenitore.

Tra l’altro nasconde il chip di protezione dal furto dei dati bancari, quindi è davvero un valido strumento per i nostri viaggi!

Ecco il link: Amazon Portafoglio

Ti avevo promesso un modello di itinerario a titolo di esempio per trarne ispirazione e questo è quello che uso di solito io:

 

Modello itinerario

 

Che ne pensi?

Un altro strumento utile per organizzare itinerari di viaggio, soprattutto se si fa in auto, è quello offerto da Google Maps, te ne parlo qui.

Potrebbe essere utile anche utilizzare una mappa mentale dei viaggi al fine di avere ogni cosa sotto controllo, come questa.

Come ultimo suggerimento volevo indicarti un software da scaricare sul tuo computer con il quale può direttamente scrivere sul modello di itinerario di viaggio che ti ho proposto.

Si tratta di PDF-Viewer: è gratuito e lo puoi installare sul desktop del tuo computer. Carica il documento cercandolo su file – apri. Per scrivere, invece, vai su strumenti – commenta e annota – testo.

Senza stampare il foglio potrai elencare ciò di cui necessiti per il tuo viaggio e alla fine fare un semplice screenshot salvandolo sul telefono.

 

La versione cartacea

Se preferisci avere un supporto cartaceo per annotare i tuoi viaggi puoi utilizzare un diario creato per noi viaggiatori: l’itinerDiario. Si tratta di un’agenda pensata per organizzare le vacanze, dove poter scrivere tutti i riferimenti di viaggio.

Il diario è composto da tre sezioni suddivise in base al soggiorno da 3, 7, 14 giorni più una pagina vuota per eventuali giorni in eccesso. La prima parte è dedicata alla lista di viaggio dove scrivere gli indumenti e gli oggetti che porterai con te. Ti sarà utile avere una lista per non esagerare!

 

lista di viaggio parte uno e due

La seconda parte sarà dedicata alla vacanza vera e propria da 3, 7 o 14 giorni, in cui potrai annotare i tour che farai e i siti che andrai a visitare in modo da tenere tutto sotto controllo e non tralasciare nulla. Ci sono quindici sezioni da 3, 7 e 14 giorni per un totale di 354 pagine, quindi l’Itinerdiario ti accompagnerà per parecchio tempo.

 

3 giorni di vacanza

Esempio di tre giorni + la pagina vuota per aggiungere altri giorni

 

La terza parte e ultima parte è pensata per trascrivere i riferimenti tecnici del viaggio come i collegamenti dei mezzi pubblici, l’indirizzo dell’hotel, il budget previsto e l’orario di partenza e di arrivo. Questa sezione è importante per tenere sotto controllo eventuali cambiamenti e per inserire i numeri dei voli o degli altri mezzi di trasporto.

 

partenza e arrivo

 

Ho pensato di creare questo fantastico diario perché volevo avere un supporto unico in cui inserire tutte le informazioni del viaggio che fosse di facile consultazione e comodo da trasportare. Per questo ho scelto il formato brossura più leggero e pratico.

 

Se interessa anche a te lo trovi in vendita su Amazon al prezzo di 12,90€ a questo link:

Itinerdiario: l’agenda dei viaggiatori

Semplici consigli su come muoversi a Tolosa e dintorni per godersi al massimo la vacanza e le numerose bellezze della città. Così non dovrai perdere tempo a cercare informazioni sul web perché le troverai già nell’articolo. 

Tolosa è la città delle violette e dei colori, te ne ho parlato in termini piuttosto innamorati in questo articolo, ma se arrivi in città con l’aereo come fare per raggiungere il centro?

 

 

Dall’aeroporto al centro città

 

L’aeroporto si chiama Toulouse-Blagnac e si trova nella zona industriale di Tolosa a 8 chilometri dal centro città. Una volta uscita dovrai decidere il mezzo più opportuno per arrivare alla struttura ricettiva da te scelta. 

Ci sono cinque opportunità:

  • auto servendoti di uno dei banco noleggi presenti in aeroporto dove figurano le compagnie Avis, Budget, Europcar, Hertz, Enterprise e Sixt;
  • taxi per una spesa prevista di circa 25 € e la fermata si trova al piano terra nella zona degli arrivi e all’uscita delle porte C e D;
  • shuttle con il servizio Flybus Airport Shuttle con partenza ogni 20 minuti circa e la fermata si trova all’uscita degli arrivi. Si raggiunge la stazione centrale in 20 minuti, prima corsa alle 5.00 del mattino, ultima alle 00.15 di sera;
  • autobus locali e in particolare la linea 25 che raggiunge l’aeroporto, la linea 30 collega lo scalo con il centro commerciale Fenouillet. Ancora la linea 66 circola da Tolosa St Cyprien all’aeroporto e infine la linea 88 va dall’aeroporto alla stazione ferroviaria di Tolosa;
  • tram seguendo la direzione della linea blu che porta alla prima intersezione ad Arénes.
  •  

Come muoversi a Tolosa con il tram e la metro

 

mappa tram e metro tolosa

Il servizio pubblico di Tolosa si chiama Tisséo e comprende tram, autobus, shuttle e metro. 

Costo del biglietto uguale per bus, tram o metro:

  • shuttle dall’aeroporto al centro città prezzo 8 €
  • corsa semplice 1,70 €
  • giornata intera 6,10 €
  • 3 giorni 12,20 €
  • carnet 10 biglietti 13,70 €

 

Il tram corrisponde alla linea blu mentre la metro si identifica nelle linee rosso, giallo e arancio.

 

Il treno

 

La stazione ferroviaria principale è Toulouse-Matabiau e si trova in centro città in prossimità del Canal du Midi. È aperta tutti i giorni dalle 5 a mezzanotte e collega le principali città francesi.

Si raggiunge con i mezzi pubblici con la connessione della metro linea rossa alla fermata Marengo SNCF. Si salgono le scale e si raggiunge la hall della stazione. 

I biglietti possono essere acquistati direttamente in stazione o scaricando l’applicazione OUI SNCF in modo da non doverli stampare. Per l’assistenza invece si può utilizzare l’applicazione Assistant SNCF Transport oppure En Gare che svolge le stesse funzioni. 

Un’idea per visitare i dintorni è prendere il treno che porta a Carcassonne, una bellissima città medievale racchiusa in un castello da favola, testimone di molti film hollywoodiani.

 

Bus e Flixbus

 

via ed edifici storici a tolosa

Passeggiando lungo le vie cittadine di Tolosa

La stazione centrale dei bus nonché la fermata dei Flixbus si trovano nei pressi della stazione centrale dei treni, basterà seguire le indicazioni dall’uscita proseguendo verso destra. 

Rispetto al prezzo dei treni quella del Flixbus è notevolmente inferiore a fronte però di una tempistica maggiore e di una ridotta scelta di orari. Controlla le rotte sul sito o sull’applicazione del Flixbus.

Stesso discorso vale per la nuova compagnia low cost di servizio bus Bla Bla Bus che dall’aeroporto porta a prezzi contenuti in numerose città francesi limitrofe. 

Se invece vuoi girare in centro a Tolosa o nelle vicinanze in questa pagina trovi gli orari e le linee da utilizzare: Orari e linee bus Tolosa.

Come muoversi a Tolosa ora non è più un segreto quindi cosa aspetti a prenotare?