Articoli

Ho sognato di diventare una viaggiatrice da quando ho letto il libro romanzo “Il giro del mondo in 80 giorni” di Jules Verne. Avevo circa 10 anni quando compresi ciò che avrei fatto da grande.

Le avventure del protagonista e del suo fidato maggiordomo Passepartout, soddisfavano i miei più segreti desideri. La conoscenza, la curiosità, il continuo cambiamento e gli imprevisti mi apparvero come dei complementi essenziali per una vita felice.

 

Dal sogno alla realtà e nuovamente il sogno

 

Terminata la scuola iniziai a lavorare e con la quotidianità svanirono anche i miei sogni. Non pensavo più al mio beniamino ma a seguire la compagnia di amici. I sogni però vengono a disturbarti nel sonno e ti riportano i desideri come se fossero dei vecchi amici dimenticati e abbandonati.

Mi ricordai di loro e assieme riaffiorò prepotente la voglia di viaggiare. Gli amici, però, non si decidevano mai! Decisi così di partire da sola nonostante le mille paure. Feci una scelta un po’ folle perché mollai tutto e andai a lavorare in Germania per 8 mesi senza conoscere una parola di tedesco!

Fu complicato ma elettrizzante! Al primo lavoro che trovai al rientro dall’esperienza tedesca iniziai a programmare le vacanze da sola: Londra, Berlino, Madrid, Cancun, Malindi, Marrakech, eccetera. Scoprii il gusto di organizzare il viaggio seguendo il mio ritmo e i miei gusti personali.

Io, finalmente, come Phileas Fogg

 

Dopo vari soggiorni arrivò finalmente l’occasione di fare un viaggio importante, tanto da lasciare ricordi indelebili nella mia mente. Sei mesi in Centro America attraverso il Messico, il Guatemala, il Belize e l’Honduras: un itinerario alla Jules Verne!

Fu in quell’occasione che mi resi conto di essere una vera viaggiatrice altrimenti non lo avrei mai fatto. Insomma da sola, senza conoscere nessuno né tanto meno la lingua, ma soprattutto senza un maggiordomo!

Eppure è stata un’esperienza totalizzante che mi ha formata e mi ha fatto comprendere di essere più forte e determinata di quanto pensassi. Potei fare pace con quella bambina pieni di sogni e guardarla negli occhi sussurrandole:

 

“Il passaporto è un documento che ti sei guadagnata

perché hai sfidato le tue paure e sei cresciuta.

Diventare una viaggiatrice è stato un sogno ora è la realtà!”

 

 

Sai che c’è chi ha sfidato veramente Phileas Fogg? Te lo racconto qui

 

immagine della gola di vintgar