Articoli

Il Black Friday 2019 si avvicina e le offerte saranno disponibili per poco tempo. Sei pronto ad approfittare degli sconti? Ti voglio lasciare alcuni siti in cui potrai trovare delle proposte d’acquisto che ti faranno decisamente gola…

Il Black Friday 2019 avrà luogo venerdì 29 novembre e riprenderà la consuetudine americana di mettere i prodotti, soprattutto di tecnologia, in super offerta.

Da qualche anno anche gli e-commerce internazionali hanno assorbito questa pratica e quasi tutti colgono l’occasione per scontare gli articoli presenti nel loro negozio virtuale.

 

Momondo 

 

Momondo quest’anno partecipa al Black Friday proponendo voli a prezzi stracciati che il suo potente motore di ricerca scoverà in giro per il web. Un’occasione per prenotare quel viaggio tanto agognato approfittando degli sconti e magari acquistare il biglietto per un’altra persona che verrà a farti compagnia.

 

La pagina da monitorare sarà questa: https://www.momondo.it/black-friday

 

un viaggio al posto di un iphone

Ebay

 

Ebay era la punta di diamante del web prima che arrivasse Amazon a spodestarlo. Aveva inventato un sistema ingegnoso di aste online in cui si acquistavano i prodotti facendo l’offerta migliore.

Oggi vengono per lo più venduti articoli da negozi fisici o venditori virtuali alla stregua di un normale e-commerce ma le promozioni durante il Black Friday 2019 non sono da tralasciare.

Al momento è troppo presto per sapere cosa ci sarà in offerta ma ti consiglio di monitorare il sito attraverso la sua pagina principale che per comodità ti lascerò anche qui: Ebay Homepage

 

Amazon

 

Amazon è forse il più famoso e-commerce nel mondo e il primo ad aver fatto conoscere in Italia la festa commerciale del Black Friday. Il suo marketplace è fornitissimo e ha già cominciato ad attivare una piccola offerta con il suo servizio Amazon Music Unlimited.

Si tratta di un portale in cui è disponibile la migliore musica digitale che comprende un catalogo di oltre 50 milioni di brani, i quali possono essere scaricati o riprodotti.

È possibile attivare la promozione entro e non oltre il 4 Novembre per scoprire e utilizzare la piattaforma per ben 90 giorni a titolo completamente gratuito.

I prodotti in offerta per il Black Friday invece saranno disponibili solo il giorno stesso e non saranno visibili prima. Consulta quand’è il momento questa pagina.

 

Come fare? Ti basterà cliccare  qui sotto per conoscere nei dettagli la promozione:

Booking

 

Su Booking si possono trovare le migliori offerte per le strutture ricettive di tutto il mondo. Ne parlo più dettagliatamente in questo articolo:

Piuttosto avaro di sconti, a meno che non si partecipi al programma Genius, quest’anno ha ceduto al fascino del Black Friday offrendo degli sconti pari al 40% su una selezione di soggiorni internazionali.

La promozione inizia il 25 Novembre se si è clienti Genius, il 27 novembre per tutti gli altri utenti. Termina il 2 dicembre per i Genius, il 22 dicembre per gli altri clienti. I soggiorni acquistabili sono quelli che compresi nelle date dal 27 novembre al 31 Marzo 2020.

Cerca il tuo soggiorno qui: Booking Black Friday

 


Altre promozioni

 

Su Europacar puoi prenotare online auto e furgoni tramite PC o Applicazione usufruendo di uno sconto pari al 40% prenotando la settimana dal 25 al 1° dicembre.


Da lunedì 25 novembre fino alla mezzanotte del 2 dicembre sfrutta le promozioni offerte nella Canon Store per la sua Black Friday 2019:

1) Reflex digitale EOS 200D + obiettivo EF-S 18-55mm – da 647.99 € a 479.99 €* (26% DI SCONTO).
Reflex digitale per principianti con obiettivo zoom versatile, conveniente e semplice da usare, che offre risultati eccezionali per qualsiasi tipo di fotografia. La scelta ideale per paesaggi, ritratti e foto di viaggio.

2) EOS 80D + obiettivo 18-55mm IS STM – era in vendita a 1169.99 €, ora a 899.99 €* (23% DI SCONTO).
Reflex digitale per appassionati, veloce e potente, con un obiettivo di uso quotidiano perfetto per paesaggi e ritratti.

3) EOS M50 Bianca + obiettivo EF-M 18-150mm IS STM – era in vendita a 949,99 €, ora a 769.00 €* (19% DI SCONTO).
Fotocamera mirrorless 4K, leggera e con moderna tecnologia reflex. Cattura ogni storia con colori intensi e dettagli precisi con questa fotocamera compatta e connessa.

4) PowerShot SX720 nera – era in vendita a 364.99 €, ora a 249.99 €* (32% DI SCONTO).
Una fotocamera da viaggio tascabile dotata di zoom e connettività, ideale per chi desidera un obiettivo versatile e funzioni potenti su cui fare affidamento in giro per il mondo.

5) Fotocamera istantanea Zoemini C (blu / verde menta / rosa / azzurro mare) – era in vendita a 129.99 €, ora a 109 €* (16% DI SCONTO).
Fotocamera istantanea tascabile che utilizza la tecnologia Zink™ senza inchiostro per stampe istantanee adesive.

6) Sconto del 50% su merchandising esclusivo
Risparmia su zaini, borse a tracolla e indumenti ufficiali Canon, tra cui felpe, giacche e t-shirt.

7) Sconti sulle stampanti multifunzione TS51XX, TS62XX e TS82XX.
Disponibili in vari colori con connettività Wi-Fi e Bluetooth.


 

Da lunedì 25 novembre inoltre consultando la mia pagina Facebook Punto e Viaggio blog ogni giorno e per tutta la settimana dal 25 al 1 dicembre troverai codici sconto per acquistare i migliori prodotti in offerta: Stay tuned (rimani collegato)!

Lo so hai speso tutti i soldi per le tue vacanze estive ma un city break in Europa low cost lo puoi ancora fare, no? Ti lascio delle super offerte!

L’Europa è un continente che ha molto da offrire ed è ottimamente collegata con l’Italia tramite voli, corriere e treni, non ci sono scuse per non viaggiare.

Vorrei provare a convincerti indicandoti per ogni capitale europea un motivo per visitarla. Alla fine, poi, ti lascerò il link con le offerte più allettanti… accetti la sfida?

 


Amsterdam – Olanda

La capitale olandese è simbolo di tulipani, biciclette, formaggio, zoccoli e quartieri libertini. Un mondo cosmopolita che vive rispettando regole ferree. Conoscere questo equilibrio precario è un ottimo esempio di convivenza utile a chi non sa essere molto tollerante.

Atene – Grecia

L’antico che si fonde con il moderno in un intreccio di passato e presente. Quale elemento prevale? Per me Atene sarà sempre il simbolo della civiltà ellenica e della sua enorme sapienza e saggezza. Un tuffo nella nostra cultura europea da fare almeno una volta nella vita.

Belgrado – Serbia

Fascino balcanico quindi primitivo e viscerale, regno di mezzo fra diverse culture in contrasto fra loro. Romani, bizantini, serbi e austriaci si sono contesi questi confini fino allo sfociare della guerra di indipendenza che ha colpito duramente la città. Oggigiorno è un centro che attrae ancora pochi e ben definiti turisti ma le porte sono aperte e prima o poi, chissà…

Berlino – Germania

Ciò che rimane della vecchia Berlino è ben poco ma quei miseri resti donano un’impronta indelebile sul capitolo più triste della storia europea: quella dei conflitti mondiali. Il cielo sopra Berlino, fortunatamente, è tornato azzurro e ora è diventata una capitale giovane, vivace e movimentata.

Berna – Svizzera

La Svizzera spaventa per la sua ricchezza interna ma attrae il turista per la sua natura rigogliosa e abbondante. Le città sono strutturate a misura d’uomo affinché non si senta troppo il distacco fra elementi naturali e architettonici. Una rappresentazione di ciò che ogni città del mondo dovrebbe e potrebbe essere.

Bratislava – Slovacchia

Mi ci è voluto molto tempo per imparare a dividere la Repubblica Ceca dalla Slovacchia, nel mio cuore rimaneva sempre il ricordo della Cecoslovacchia. Dividendosi però Bratislava ha assunto un’importante connotazione ed è diventata un punto di incontro interessante in Europa Centrale. Non sempre le separazioni sono negative, a volte esaltano qualità che altrimenti rimarrebbero oscurate.

Bruxelles – Belgio

Da quando la sede della Comunità Europea ha messo le sue radici qui, il Belgio ha assunto una caratteristica importante anche dal punto di vista turistico. La capitale ha molto da offrire ma anche i suoi dintorni. I giovani però sono principalmente attratti dalle numerose e famose marche di birra reputate fra le migliori al mondo. Ecco perché si vedono sempre più ragazzi sceglierla come destinazione city break in Europa.

Bucarest – Romania

Il conte Dracula non ha lasciato un bel ricordo nell’immaginario collettivo ma proprio per questo la capitale rumena sorprende. Colpisce la forza di volontà nel diventare moderna e assumere una certa autorevolezza in Europa. I tempi difficili sono finiti ora è giunto il momento di farsi conoscere!

Budapest – Ungheria

Quando si parla di Budapest salta subito in mente il Gulasch, la specialità culinaria ungherese per eccellenza, eppure la città offre molto altro al visitatore. Musei, quartieri, statue, ponti, palazzi e stili architettonici innovativi. Senza dimenticare le meravigliose terme, fra le più antiche d’Europa.

 

per visitare budapest in un giorno potrebbe essere utile l'uso del tram in foto

 

Chisinau – Moldavia

Qui l’impero russo sconfisse quello ottomano definendo la personalità degli abitanti. Il paese è orientato al futuro e non vuole lasciarsi trascinare dal passato per risplendere e dimostrare il proprio valore. Giusto qualche ricordo di ciò che erano ma poi lo sguardo vira subito in avanti perché è quella la direzione da seguire.

Copenaghen – Danimarca

Forse Copenaghen non è una city break in Europa che colpisce di primo acchito a causa dei suoi edifici rigorosi, imbellettati, con una certa aria di supponenza; eppure se ci si lascia andare a un esame più approfondito si scopre un cuore pulsante e vivo.  Dietro la regalità si nasconde un melting pot di culture interessanti, una società libertina e un tessuto sociale vivace.

 Dublino – Irlanda

Il rosso delle insegne dei pub in contrasto con il verde vibrante dei prati contraddistinguono i colori dominati del paese. Ogni edificio trasuda storia ed è inevitabile fermarsi a riflettere di fronte a un’imperfezione cosa possa essere accaduto. Artisti di fama mondiale hanno sedimentato la loro arte qui… ci sarà pur un motivo, no?

Helsinki – Finlandia

Chissà che faccia farebbero i vichinghi se vedessero l’ordine rigoroso di Helsinki… Penserebbero che le divinità nordiche abbiano loro imposto un castigo, in contrasto con il loro animo selvatico. Si nasconderebbero nella natura rigogliosa e metterebbero dimora con una consapevolezza nuova, ossia che la pace fa prosperare più della guerra e regala all’anima la stabilità di cui necessita.

Kiev – Ucraina

Non dite a nessuno quando viaggiate a Kiev quanto sia affascinante! La città è misteriosamente ancora estranea al turismo di massa, quindi venire qui significa immergersi in una cultura autentica che pochi ancora conoscono. Il suo monastero principale è meta di pellegrini che vengono a visitare le catacombe e ad ammirare le sue cupole dorate. Il detto “non è tutto oro ciò che luccica” qui non vale…

La Valletta – Malta

Isola nel Mediterraneo che attrae per il clima favorevole con temperature gradevoli quasi tutto l’anno. Nel passato un susseguirsi di invasori hanno lasciato traccia del loro passaggio donando alla città aspetti arabeggianti, europei e asiatici. A La Valletta, capitale e centro nevralgico, non ci si annoia, ma si impara a capire le sfaccettature delle differenti culture.

Lisbona – Portogallo

Il cuore pulsante dell’Europa del sud con i suoi toni vivaci e i suoi contrasti richiamano l’attenzione dei viaggiatori. I tram che attraversano tutta la città, le grandi piazze e i locali con i tavolini all’aperto che invitano a una visione slow. Un intreccio di stimoli, un’attrazione che si sovrappone all’altra, una meta fuori dal tempo ideale per chi cerca una nuova dimensione.

Londra – Inghilterra

Londra è il cuore pulsante d’Europa, la storia nella storia dove ogni mattone ha qualcosa da raccontare. Ci vorrebbe una vita intera per descriverla e raccontarne le vicissitudini. Vale non solo un viaggio ma molti di più, perché scalfire la superficie richiede tempo ma regala grandissime emozioni.

Lubiana – Slovenia

La capitale verde racconta la passione per la terra e la natura. Un castello su di una collina sovrasta la città attraversata da un fiume che la circonda come un abbraccio. Ponti, draghi e misteri… Lubiana è un mondo incantato che si apre solo a chi sa guardare con occhi ricolmi di fantasia.

 

veduta della capitale slovena dalla barca

 

Madrid – Spagna

La capitale spagnola ha meno rilevanza turistica rispetto ad altre città più blasonate come Barcellona, Valencia o Siviglia. Proprio per questo lascia senza parole chi la visita. Perché Madrid ha un fascino del tutto particolare e invita alla flânerie tanto quanto Parigi. Perdersi fra i suoi vicoli e all’interno dei suoi prestigiosi musei è un’esperienza unica quindi indossa scarpe comode e mettiti in viaggio!

Minsk – Bielorussia

Ogni cosa in questa nazione ricorda il personaggio di Stalin e la sua figura imponente è penetrata in ogni piccola fessura. Uno spaccato della storia europea che si è fossilizzato nel tempo, e per fortuna, dato che la memoria dell’uomo sa essere così corta…

Mosca – Russia

Difficile rimanere indifferenti al fascino della Piazza Rossa dove il freddo pungente e la soffice neve invernale ammanta il Cremlino donando una sensazione di fissità ingannevole. Durante l’estate invece i caldi raggi del sole colorano gli edifici di vivaci tonalità che infondono allegria e voglia di sperimentare. Mosca è un invito a fare progetti e a reinventarsi una nuova identità per sfuggire alla noia e alla vacuità delle nostre esistenze.

Nicosia – Cipro

Sì, è in Europa, se te lo stai chiedendo… Ma è qualcosa di particolare… Divisa in due dalla linea verde, una recinzione militare che separa Cipro da Cipro del Nord. La via commerciale principale è Ledra Street, l’unica che permette il passaggio da una zona all’altra come se nello shopping ci si dimenticasse della realtà. Una vetrina che permette di guardare oltre i confini.

Oslo – Norvegia

Mare burrascoso, natura voluttuosa e panorami adrenalinici regalano paesaggi mozzafiato. La capitale, però, è prima di tutto un centro finanziario, culturale e lavorativo che ospita diverse multinazionali. Un’immersione nell’economia che fa da traino al mondo e cresce a dispetto dell’inflazione europea.

Parigi – Francia

Un fascino sofisticato ed elegante rovinato da scene di inciviltà cittadina. Basterebbe il Louvre a rappresentare la sua magnificenza ma poi i castelli, i quartieri, i vicoli, le statue, i ponti e gli edifici iniziano a parlare, raccontando una storia senza fine. Se cerchi un luogo in cui perderti per poi ritrovarti, eccolo… l’hai trovato!

Podgorica – Montenegro

Lentamente lo stato del Montenegro sta uscendo dall’oblio richiamando sempre più turismo all’interno dei suoi confini. La capitale, in particolare, ospita un Parco Nazionale con monasteri medievali, spiagge ed è una meta ideale per gli appassionati di birdwatching.

Praga – Repubblica Ceca

La linea low cost Czech Airlines continua ad attirare nella capitale ceca milioni di turisti grazie ai suoi prezzi competitivi. Si è visto così negli ultimi anni una crescita esponenziale dei viaggiatori che si immergono nel tessuto sociale e ne ammirano le bellezze architettoniche del paese. Una via di fuga a basso costo e in breve tempo, cosa chiedere di più?

Pristina – Kossovo

Autoproclamandosi stato e dichiarando l’indipendenza dalla Serbia il Kossovo è come un bocciolo pronto a esplodere. Al momento non sono in molti a varcare i suoi confini ma presto si farà visitare offrendo ogni tesoro che ancora tiene gelosamente celato.

Reykjavík – Islanda

Lo stato più a nord d’Europa non perde certo punti in fatto di turismo ma anzi ne guadagna ogni anno di più. Complice la natura selvaggia che qui detta le regole più dell’essere umano, attira ogni anno milioni di visitatori che ammirano estasiati i geyser, i vulcani e gli anfratti sul mare che evocano pensieri mistici e meditativi.

Riga – Lettonia

Affacciata sul mar Baltico si trova sulla foce del fiume Daugava. L’acqua è l’elemento principale che fa da cornice alla città e ne esalta le fattezze che seguono prevalentemente uno stile architettonico Art Nouveau. Nei suoi 800 anni di vita Riga si è data un’impronta originale che merita di essere visitata.

Roma – Italia

Fulcro della civiltà al pari di Atene ma sommersa dall’oblio delle genti che hanno dimenticato la sua importanza storica. Fortunatamente rimangono gli edifici, le colonne e i templi a ricordare la più alta forma di ingegno che ha dato forma a tutta l’Europa e, nonostante il tempo e l’incuria, non hanno perso la loro identità.

 

statua di orazio marinali al giardino bolasco

 

Sarajevo – Bosnia Erzegovina

Quando si parla di Sarajevo salta subito in mente l’assassinio di Francesco Giuseppe, il pretesto che ha dato il via al secondo conflitto mondiale. Ne ha fatta di strada la capitale anche se è stata pesantemente colpita durante la guerra di indipendenza. Oggi è in cerca di un riscatto che merita e che la sta portando fra le più gettonate città europee da visitare.

Skopje – Macedonia

La sua fortezza ha difeso per anni le varie invasioni nemiche e oggi fa libero sfoggio della sua asprezza e della sua forza. La pietra è il materiale che più la rappresenta e che determina l’identità della città: dura e resistente, feroce e combattiva, tenace e imponente.

Sofia – Bulgaria

Il massiccio montuoso della Vitosha ha visto passare tutte le civiltà del passato ma nessuna ha deposto qui le sue radici perché Sofia è una città unica e tale rimane nei secoli. Da quando è entrata a far parte dell’Europa ha visto una crescita del turismo interessato a scoprire un angolo rimasto intatto nel tempo destando meraviglia e curiosità.

Stoccolma – Svezia

Con le sue 14 isole e 50 ponti è un piccolo mondo da scoprire e da attraversare in lungo e in largo. Qui ci si muove prevalentemente in barca o in traghetto ed è emozionante navigare nel suo arcipelago.

Tallinn – Estonia

Un altro paese ottimo per un city break in Europa che si affaccia sul mar Baltico e vive quindi il suo rapporto con il mare in un modo viscerale e profondo. Ha una popolazione di soli 500 mila abitanti e il suo centro storico è Patrimonio dell’Unesco. I suoi caffè hanno un’aria bohemien che ricorda qualcosa ma non si sa esattamente cosa. Bisognerà visitarla per scoprirlo…

Tirana – Albania

La capitale dell’Albania negli ultimi anni sta suscitando interesse tra i viaggiatori grazie anche alle nuove tratte aeree che a basso costo conducono in terra albanese. Il paese nasconde dei gioielli di inestimabile valore sia per quanto riguarda la storia, che la natura, senza dimenticarci dell’architettura. E il mare? Dicono sia paragonabile all’azzurro più intenso… Andiamo a scoprire se è così?

Varsavia – Polonia

Una città dilaniata durante la Seconda Guerra Mondiale che ha visto una lenta ripresa sotto il regime comunista. Oggi è diventata una delle mete più ambite, i viaggiatori sono curiosi di scoprire tutta la bellezza di una capitale che è rimasta per troppo tempo oscurata. Direi che è arrivata ora anche per me di andarci!

Vienna – Austria

È una città che profuma di saggezza dove un tempo i fili politici venivano tirati e determinavano il destino dell’intera Europa. Oggi appare un po’ più leggera e spavalda, libera dall’aristocrazia e quindi a misura di cittadino. Rimangono però le vestigia del passato e a volte, a Stephansplatz, si sente addirittura il ticchettio degli stivali dei cavalieri teutonici…

Vilnius – Lituana

La capitale è rinomata per l’attenzione particolare all’architettura barocca che si sviluppa in modo eccelso nel centro storico. Se sei un appassionato dello stile, come me, devi obbligatoriamente prenotare il prossimo volo… Ci vediamo lì?

Zagabria – Croazia

Zagabria, come Madrid, è spesso dimenticata dai turisti che prediligono il mare cristallino croato o la bellezza dei parchi, ma seppur piccola, almeno il centro storico, ha un’architettura interessante da scoprire. Al pari di Lubiana ha degli spazi verdi molto grandi e dei locali che si affacciano sulla strada che invitano alla pausa. Una città che sorprende e seduce al primo sguardo.

 

angolo in una via cittadina zagabria in un giorno

 

Nella lista ho omesso i vari microstati ma ne farò un articolo a parte. Ti avevo promesso il link per viaggiare in una di queste meravigliose città ed eccolo qui: Offerte per city break in Europa

Ora dimmi… dove hai intenzione di andare al tuo prossimo viaggio?

Il museo di Sherlock Holmes si trova a Londra, ma appartiene veramente al personaggio partorito dallo scrittore Arthur Conan Doyle?

Quando ero più piccola mi era molto difficile discernere la fantasia dalla realtà (e ancora oggi, per la verità, ho qualche problema!) perché pensavo, erroneamente, che quando un adulto parlasse, dicesse solo la verità.

Rimanevo sconvolta nello scoprire che alcune storie fossero inventate di sana pianta. Il primo trauma è stato naturalmente Babbo Natale, anche se addolcito dalla rivelazione di mia nonna.

In modo molto innocente un Natale mi chiese: “Non crederai ancora a Babbo Natale, vero?” Ovviamente sì! Ma dal modo in cui mi era stata posta la domanda non mi rimase che rispondere no… Indagai con i miei amichetti di asilo e constatai la confusione in merito, pertanto considerai la possibilità che non esistesse.

Sherlock Holmes, invece, non lasciava dubbi…

 

A LONDRA ALLA RICERCA DI SHERLOCK HOLMES

 

Prima di acquistare la collana completa dei libri di Arthur Conan Doyle avevo sentito raccontare le avventure di Sherlock Holmes e il suo fidato amico Watson.

I personaggi erano così particolari, ma allo stesso tempo dettagliati, che non nutrivo alcun dubbio sulla loro esistenza. Erano certamente esistiti: avevano una casa e un indirizzo specifico.

In edicola uscirono tutti i romanzi del baronetto e io non persi occasione di comperarli. Nel primo romanzo “Uno studio in rosso” lessi l’introduzione e la vita dell’autore.

Scoprii così, a malincuore, che Sherlock Holmes era un personaggio di fantasia, come pure il suo amico Watson, inventati da un dentista annoiato che arrivò addirittura a odiarli.

Fu l’ennesimo shock! Leggendo i successivi romanzi, però, imparai ad amarlo e nonostante la sua “non esistenza” per me diventò una persona in carne e ossa.

Per questo motivo, durante il mio viaggio a Londra, decisi di visitare il museo che si trova all’indirizzo dei libri: vicino alla stazione Marylebone e alla metro Baker Street, al 239 Baker Street (di fianco al numero 221B ideato da Doyle).

 

IL MUSEO DI SHERLOCK HOLMES

 

Il museo è gestito dall’associazione Sherlock Holmes International Society ed è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 18.30. Il costo del biglietto è di circa 15 sterline che sembrano eccessive, ma se sei un fan del personaggio verrà considerata come la miglior spesa fatta!

In quell’occasione entrai dal negozio di souvenir dove si possono trovare molti aggeggi che sono serviti al detective per risolvere i suoi casi. Una ragazza vestita da governante, che impersona la signora Hudson, mi accolse dicendomi che il signor Holmes non era in casa, ma che potevo visitare lo stesso l’appartamento.

In preda all’emozione mi accostai, come mi era stato indicato, alla porta a sinistra del negozio salendo i fatidici 17 scalini che Watson spesso percorse trafelato per qualche intuizione improvvisa.

La casa:

Uno dei titoli di Sherlock HolmesIl primo piano dell’edificio vittoriano è composto dallo studio e dalla stanza da letto di Sherlock. Quando lo visitai, mi parve quasi strano non sentire nessun odore provenire da qualche intruglio ideato dallo strano detective.

All’improvviso fui sopraffatta dai ricordi dei casi e andai alla ricerca dei dettagli: c’era la lente di ingrandimento, delle carte, il camino e la poltrona dove Holmes rifletteva… Tutto risuonava familiare come se in quella casa ci fossi già stata!

Al piano superiore, invece, si trova la stanza della signora Hudson e dell’amico Watson. Sopra il letto di quest’ultimo il cappello e una valigia pronta per essere riempita al richiamo di un paziente.

All’ultimo piano, infine, le statue di cera dei personaggi più famosi descritti nei libri accolgono i visitatori. Non voglio svelarti però chi sono per non fare dello spoiler se non hai ancora letto le sue avventure.

La visita termina ritornando in negozio dove acquistai un portachiavi che porto sempre con me. Ogni volta che lo guardo mi fa pensare a quei momenti in cui la fantasia incontrò la realtà e forse da realtà si trasformò in fantasia.

Se Sherlock e Watson siano esistiti veramente alla fine è diventato un dettaglio trascurabile, quello che importa invece è aver ritrovato degli amici con i quali ho trascorso dei bellissimi momenti di lettura.

 

Trovi i libri di Sherlock Holmes qui: Tutti i racconti di Sherlock Holmes

Quali sono le alternative turistiche alle province venete? Una domanda semplice e diretta ma la risposta lo sarà altrettanto? Oggi sono in vena di fare domande per cui te ne faccio un’altra: quante sono in totale le province venete?

 

Ti aiuto io, altrimenti lascio fare tutto a te e non è giusto! In totale le province venete sono 7 e te le elenco di seguito:

 

Se hai già viaggiato in Veneto sai quanto queste provincie siano sinonimo di cultura, bellezza e storia. Come ogni parte di Italia, in estate e non solo, sono prese d’assalto dai viaggiatori nazionali e stranieri. Perciò sarebbe meglio evitare di visitarle nei periodi festivi per apprezzarne al meglio le qualità architettoniche e naturali.

Ho deciso pertanto di esserti di aiuto in questo senso e di elencare delle alternative turistiche alle province venete. Sei pronto a scoprirle?

 


Vicenza

 

Le alternative turistiche a Vicenza che ti propongo sono: Bassano del Grappa, Marostica, Recoaro Terme, i monti dell’Altopiano di Asiago e le Valli del Pasubio.

 

Bassano del Grappa è la mia città natale e ne ho parlato moltissimo nel blog, infatti se vuoi scoprire gli articoli allegati te li lascio qui per comodità:

 

Si trova ai confini con la provincia di Treviso e nel centro storico puoi visitare il famoso Ponte Degli Alpini costruito seguendo il progetto dell’architetto vicentino Andrea Palladio. Sotto scorre il fiume Brenta meta per gli amanti degli sport fluviali come rafting, canoa e hydrospeed.

È conosciuta per la produzione di grappa che puoi degustare in diverse varianti tipiche del luogo proposte dalle grapperie Poli, Nardini e Bassanina.

Inoltre è stata un luogo strategico durante i due conflitti mondiali ospitando personaggi celebri dal calibro di Ernest Hemingway guadagnandosi la medaglia al valor militare.

Viale dei Martiri ne ricorda i tragici eventi se si osservano le targhe attaccate ai lecci che adornano la via. In quell’occasione, era  il 26 settembre 1944, 31 giovani partigiani furono impiccati in quanto simbolo della resistenza.

Il Tempio Ossario nelle vicinanze del Ponte Nuovo, invece, conserva i resti di oltre 6 000 soldati morti in nome della nostra libertà.

Infine il Generale Giardino è ricordato per aver fermato l’avanzata austroungarica della Strafexpedition grazie a una statua posizionata in viale delle Fosse per controllare in eterno Cima Grappa.

 

veduta sul ponte degli alpini con brenta e montagne

 

Marostica è conosciuta come “la città degli scacchi” perché ogni due anni nella piazza principale si svolge la storica partita a scacchi con personaggi viventi. Le prossime date dell’evento sono l’11/12/13 settembre 2020 (trovi informazioni dettagliate qui).

In attesa dell’evento puoi visitarla per fare una piacevole passeggiate nel bellissimo centro storico e salire attraverso il sentiero “passeggiata dei Carmini” sul Castello Superiore.

Il panorama è fantastico in quanto il castello si trova abbarbicato sul colle Pausolino e le sue mura seguono le curvature dei dolci pendii.

 

il castello di Marostica è una delle alternative alle province venete

 

Recoaro Terme è famosa per l’acqua minerale e ovviamente le sue benefiche terme dove si possono fare le terapie idropiniche e inalatorie, la fangoterapia e la balneoterapia.

Il centro termale si trova all’interno di un parco di circa 220.000 mq e l’entrata per i visitatori è completamente gratuita (info qui).

Le terme sono aperte solo in estate fino al 30 settembre con i seguenti orari dal lunedì al sabato: dalle 8,00 alle 12,00 e dalle 15,00 alle 18,00.

Nei dintorni ci sono tantissime escursioni che si possono fare per esempio il sentiero dei Grandi Alberi, quello della Montagna Spaccata o raggiungere il rifugio Campogrosso e la Malga Pizzegoro.

 

veduta dalla valle san martino

 

 

L’Altopiano di Asiago sebbene colpito l’autunno scorso da una violenta tromba d’aria che ha sradicato un numero altissimo di alberi, si presenta alla stagione estiva con il vestito a festa. Se vuoi

Inutile elencare le numerose attività da fare nell’Altopiano perché sono pressoché infinite, ciò che ti voglio ricordare è che nella città di Asiago puoi visitare l’Osservatorio Astrofisico, il Sacrario Militare e la stazione osservativa Cima Ekar.

Asiago è anche la città natale dello scrittore Mario Rigoni Stern, del famoso formaggio Asiago e della nocciolata Rigoni (l’alternativa alla Nutella).

Un gruppo di amici sta raccogliendo soldi da devolvere alla Comunità Montana dei Sette Comuni affinché possano ripristinare in parte le piante cadute, ne parlo qui: Iniziativa Alberiamo l’Altopiano per ripiantare gli alberi caduti

Le Valli del Pasubio si trovano sulla strada fra Vicenza e Rovereto, sono piuttosto rocciose e sono indicate a escursionisti esperti. Gli itinerari più famosi sono:  la Strada delle 52 gallerie, la Strada degli Scarubbi e la Strada degli Eroi.

Troneggia anche in questi luoghi l’Ossario in ricordo delle vittime dei due conflitti mondiali ma la vera attrazione è il Ponte Tibetano, un ponte di Corde in acciaio posizionato a un’altezza di 35 metri per una lunghezza di 105 metri. Un’esperienza per i più coraggiosi, insomma!

 


Treviso

 

Treviso è una bellissima città e sebbene non sia assaltata dai turisti in estate come potrebbe essere Venezia offre delle alternative davvero interessanti. Tra queste ti voglio ricordare Castelfranco Veneto, Asolo e Possagno, Valdobbiadene e il Parco del Sile.

Castelfranco Veneto è la città natale del pittore Giorgione che qui ha lasciato la sua testimonianza artistica. Al centro del paese si trova il Castello con le sue mura Medievali a protezione.

La passeggiata nel centro storico è allietata dai vari caffè che si affacciano su Piazza Giorgione prima o dopo una visita fatta alla Torre Civica o al Teatro Accademico.

Di notevole bellezza è anche il Parco Bolasco Revedin aperto nel weekend in cui sono presenti diverse specie di piante e le opere dello scultore bassanese Orazio Marinali.

Leggi l’articolo più approfondito qui:

 

villa bolasco

 

Asolo è uno dei borghi più belli d’Italia e si trova nei colli asolani non troppo distante da Bassano del Grappa. Il borgo si presenta in tutta la sua regalità data anche dagli ospiti illustri che nel passato hanno soggiornato in questo luogo.

Dalla Piazza Garibaldi e dai suoi numerosi caffè ci si avvia verso il Castello di Asolo o alla Rocca per ammirare il paesaggio circostante e per comprendere il suo soprannome: “la città dai cento orizzonti”.

Dall’alto si possono vedere non solo i paesi confinanti, le montagne e i colli ma anche le immense distese di Prosecco che rappresentano l’intero tessuto agricolo trevigiano.

A circa 15 chilometri di distanza si trova il piccolo paese di Possagno visitato dai turisti per essere la città natale di Antonio Canova.

All’interno della Gipsoteca che è anche la sua casa si possono vedere le opere in gesso dell’artista neoclassico e il Tempio Canoviano da lui progettato che riprende il Pantheon romano. Potrebbe interessarti approfondire qui:

 

foto dall'alto del tempio canoviano

 

Valdobbiadene è da poco entrata a far parte nel Patrimonio dell’Unesco per le sue viti che producono uno dei vini più apprezzati in Italia e nel mondo: il Prosecco.

Scivolare in bici, in moto o in macchina fra i saliscendi delle colline è una delizia per gli occhi e, se a questo ci si aggiunge una capatina in un agriturismo, la giornata diventerà indimenticabile.

Il luogo simbolo è l’Osteria senz’Oste, dove ci si serve da soli e si lascia l’offerta. Lo spazio è molto esiguo, 10 persone al massimo, quindi dovrai avere la fortuna di scegliere un momento poco affolato!

In cambio però avrai una vista mozzafiato sui filari e sulle colline: un’esplosione di verde inframmezzata da qualche villetta solitaria.

Il Parco del Sile è una ciclopista che riprende la via Monaco – Venezia situata in parte in territorio trevigiano e in parte in quello veneziano.

Segue il corso del fiume Sile e si può fare anche con delle piccole imbarcazioni o con delle canoe, sarai ripagato con una natura rigogliosa e una fauna tipica del luogo.

Per scoprire il percorso leggi l’articolo dedicato: In bici lungo la ciclopista del Sile per scoprire le bellezze del Veneto

 

Lungo la ciclopista del sile con le sue piante e la sua acqua verde


Venezia

 

Non basterebbe un mese per visitare tutte le bellezze della città di Venezia antica Repubblica Marinara che un tempo era considerata il centro del Mondo.

I turisti vengono a visitarla in qualsiasi periodo dell’anno e difficilmente si troverà un giorno in cui la si possa girare senza troppa gente intorno.

Per ovviare questa situazione si possono scegliere le isole che compongono la laguna veneziana, sono numerose e ognuna diversa dall’altra.

Ne ho parlato a lungo all’interno del blog per questo ti lascio gli articoli divulgativi in cui puoi trovare tutte le informazioni relative soprattutto un aiuto su come raggiungerle:

 

isola di san servolo san clemente e la sacca sessola con veduta su san marco

 

In alternativa puoi uscire dalla città e dirigerti di nuovo sul Brenta per visitare i luoghi in cui gli antichi nobili veneziano erano soliti trascorrere le vacanze.

La zona, infatti, conosciuta come “la Riviera del Brenta” presenta le più belle ville venete tra cui Villa Valmarana, la Malcontenta, villa Pisani, villa Margherita, eccetera…

Volendo puoi anche fare una bellissima esperienza con il Burchiello che è la tipica imbarcazione che si muoveva tra Venezia e Padova e superare le varie chiuse. Maggiori informazioni le trovi qui:

 

riviera del brenta e i suoi edifici


 

Padova

 

Padova è una città che merita una visita approfondita perché all’interno nasconde molti avvenimenti del passato che l’hanno profondamente cambiata, se vuoi puoi scoprire come qui.

Ma nei dintorni si nascondono dei gioiellini di inestimabile valore come Montagnana, Arquà Petrarca, Cittadella, i colli Euganei e le Terme.

Montagnana è una sorpresa per ogni visitatore che ci mette piede. Racchiusa fra le mura medievale di un antico castello svela lentamente la storia nei suoi vicoli e nello sguardo fiero dei suoi abitanti.

La città ha numerosi riconoscimenti tra cui essere uno dei borghi più belli d’Italia, bandiera arancione del Touring Club Italiano ed essere un luogo del Fai.

Ti serve altro?

Allora aggiungo che fuori dalle mura trova dimora una delle ville progettate dal Palladio che fa parte del Patrimonio dell’Unesco e che fregia un prodotto DOP di eccellenza: il Prosciutto Berico Euganeo.

Devi assolutamente visitarla e per invogliarti ti lascio un articolo dettagliato che presenta ogni più piccola bellezza da scoprire: A zonzo nel borgo di Montagnana

 

borgo di montagnana con viole in fiore

 

Arquà Petrarca è un altro borgo fra i più belli d’Italia che ha dato dimora al poeta toscano Francesco Petrarca ed è famosa per un prodotto tipico locale alquanto particolare: le giuggiole.

Qui viene prodotto il “Brodo di Giuggiole” secondo la ricetta tradizionale e viene usato anche per dare sapore a numerosi piatti e cocktail.

Il borgo si trova ai piedi dei colli Euganei ed è un luogo che richiama una certa introspezione per il suo alto valore storico e culturale. Forse è questo il motivo che ha indotto il poeta a rimanere a vivere in questa luogo: per ritrovare nella realtà la poesia che nascondeva all’interno dell’anima.

Conosci il borgo qui: Borgo di Arquà Petrarca: tra poesia e giuggiole

veduta sul borgo di arquà petrarca

 

Cittadella è la città dalla cinta muraria interamente percorribile grazie a un’opera di ristrutturazione voluta dal comune stesso e dalla Regione Veneto.

All’interno delle mura si trova il centro storico opportunamente enfatizzato dalla bellezza del suo Duomo, dai vari Palazzi e dalle Chiese. 

Si trova a poca distanza da Bassano del Grappa e da Castelfranco Veneto e nel circuito dell’antica via Postumia Romana. Ogni anno è visitata da milioni di turisti, molti stranieri, che vengono a camminare sospesi a mezz’aria sulle mura.

Le specialità tipiche sono il liquore Strega, apprezzato anche da Hemingway, l’aperitivo Mesoevo del Caffè Milano e il dolce la Dama dei Carraresi del Carraresi Bistrot.

Approfondisci qui: Il centro storico medievale di Cittadella in provincia di Padova

 

 

I colli Euganei sono di una meraviglia disarmante e si trovano a ridosso delle località termali più famose di tutto il Veneto come Montegrotto Terme, Abano Terme, eccetera…

Numerosi gli itinerari da fare adatti a ogni tipo di escursionista, attraverso un comprensorio montuoso che accorpa un totale di 15 comuni.

Ai piedi di esso le località termali e le numerose proposte ricettive aperte per vivere all’insegna del trattamento terapeutico termale.

 

momento di svago alle terme in una delle piscine esterne


Belluno

 

Belluno è sinonimo di Dolomiti e vita all’aria aperta. Si estende nella parte più alta della regione e comprende diverse montagne e paesi. Oltre al capoluogo meritano una visita le città di Feltre, Pedavena e il Parco delle Dolomiti Bellunesi.

 

Feltre è una graziosa città considerata come una Urbs Picta ovvero una “città dipinta” grazie ai suoi numerosi palazzi affrescati. Dalla Piazza Maggiore si dipanano le viette storiche oggi di valenza prettamente commerciale che definiscono l’urbanistica della città.

Ben tre musei di arte sono presenti nel territorio: il Museo Diocesano di Arte Sacra con un’icona del Tintoretto, la Galleria d’Arte Moderna Carlo Rizzarda e il Museo Civico che conserva il Manto di Carlo IV.

Vicino alla città merita una visita il bellissimo lago di Corlo nei pressi della città di Arsié, si tratta di un luogo ameno molto amato soprattutto da una clientela nord europea perché selvaggio e incontaminato: Lago di Corlo

 

immagine autunnale del lago di corlo

 

Pedavena sarebbe una cittadina senza fama né gloria se non fosse per la presenza della birreria che ogni giorno è presa d’assalto da migliaia di turisti.

Motociclisti, runner, ciclisti e automobilisti vengono a dissetarsi e ad assaggiare i prodotti tipici del territorio. La punta di diamante è la “Birra del Centenario” creata in occasione dei 100 anni ma talmente amata da rimanere sul menu.

Di fianco si trova un parco con baldacchini ideale per rilassarsi all’ombra delle piante mentre se si vuole faticare le montagne nei dintorni offrono numerose escursioni.

 

Assaggiare la birra pedavena a Pedavena: una delle alternative alle province venete

Foto dal web

 

Il Parco delle Dolomiti Bellunesi fa parte del Patrimonio dell’Unesco e racchiude al suo interno diversi paesi montani e dividono il Veneto dal Trentino Alto Adige.

Elencare i posti da vedere in un unico articolo sarebbe impossibile, ma ti posso suggerire i più importanti come i Cadini del Brenton, lago del Mis, Val Grisol, Val Canzoi, la città di Agordo e i suoi dintorni, eccetera…

Puoi scoprirne una parte attraverso questi articoli che sono frutto delle mie vacanze di agosto dell’anno scorso:

 

lago del mis e dintorni veduta generale


Verona

 

Verona è la città degli innamorati dove si può visitare la casa di Giulietta e anche la sua tomba! Sto parlando della Giulietta di Shakespeare e del suo amato Romeo…

Ovviamente ci sono tantissime altre cose da vedere tra cui l’Arena che ospita molti eventi musicali e artistici e altri edifici storici di notevole importanza.

E nei dintorni cosa si può fare? La meta più ambita e sicuramente la più frequentata soprattutto dai turisti tedeschi e nord europei è il lago di Garda.

Tantissime sono le località che si possono scegliere forse più frequentate della città stessa.

La loro bellezza però è talmente appariscente da meritare la tua pazienza. Tra queste ti ricordo: Malcesine, Torri del Benaco, Custoza, Bardolino, Peschiera del Garda, eccetera.

Famoso è anche il parco di divertimenti Gardaland adatto ai più piccini e anche ai grandi aperto tutto l’anno e in estate anche la sera. Gli altri parchi invece sono: Parco Natura Viva, Parco Giardino Sigurtà, Caneva World e le Antiche Terme di Giunone.

 

Ah! Non dimenticarti i vini della zona del Garda:

  • Bianco di Custoza e del Lugana
  • Rosso di Bardolino
  • Chiaretto o Rosè di Moniga.

 

immagine del lago di garda lato bresciano

 

Per gli amanti della natura ci sono i monti della Lessinia che fanno parte delle Prealpi Venete e furono dimora delle popolazioni dei cimbri.

Le escursioni più gettonate sono: le cascate di Molina, la grotta di Rovere Mille, il ponte di Veja. Inoltre la foresta di Giazza, i faggi ultracentenari di Bosco Chiesanuova ed Erbezzo e il covolo di Camposilvano e la Valle delle Sfingi.


Rovigo

 

Rovigo in verità non è mai troppo frequentata, rimane sempre relegata a ultima tappa durante una visita nella regione del Veneto.

Eppure al suo interno nasconde una città vivace e ricca di edifici storici, inoltre in qualche modo si differenzia dalla tipica urbanistica veneta.

All’esterno della città il sito più visitato, forse più della città stessa, è il Parco Naturale e Regionale del Delta del Po che permette numerose attività sportive.

Tour in bici, in barca, a piedi, in canoa, basta dare un’occhiata al sito ufficiale per rendersi conto del ventaglio di offerte proposte ai visitatori.

Sono numerose anche le strutture ricettive presenti e notevoli anche le specialità culinarie che spaziano dal pesce alle verdure tipiche del territorio.

Rosolina Mare è forse la meta più conosciuta invece per i bagnanti che la preferiscono alle altre località marittime veneziane proprio per la sua tranquillità e semplicità.

 

L’app Momondo è giovane, colorata e fresca come te. Facilissima da imparare e comoda da usare. Ti basta scaricarla e il resto viene da sé!

Una volta scaricata potrai accedere a viaggi in ogni parte del mondo e organizzare i soggiorni giusti per te, secondo i tuoi gusti.

 

PRIMI PASSI

 

La prima cosa che dovrai fare è a accedere al link dove puoi scaricare l’app Momondo:

Una volta che l’app si sarà scaricata nell’interfaccia del tuo telefono potrai iniziare a scoprire tutte le funzionalità e soprattutto a scovare le tariffe di viaggio migliori. Ti consiglio di inserire subito i tuoi dati personali in modo da non doverlo fare successivamente.

 

icona dell'app momondo

 

Vai sull’icona del menu e scegli la voce PROFILO. Da qui entri in queste sezioni:

  • ACCEDI inserisci i tuoi dati tramite email, Facebook o Google;
  • PREFERENZE imposti il tuo aeroporto, la valuta e impostare la lingua;
  • IMPOSTAZIONI PER I MIEI VIAGGI attivi o no le notifiche di cambiamenti e quant’altro per un tuo viaggio;
  • CONDIVISIONI DEI DATI puoi decidere di condividere o meno i tuoi dati con altre aziende partner di Momondo;
  • INVIA MESSAGGIO per valutare l’app Momondo sullo store;
  • COS’È presentazione di Momondo;
  • INFORMAZIONI LEGALI lista dei documenti e dei parametri legali;
  • COME FUNZIONA MOMONDO vieni indirizzato al sito in cui è spiegato qual è la funzionalità del sito.

 

Gli altri sottomenu presenti sull’app Momondo sono i seguenti:

  • CERCA menu di ricerca di hotel, voli e noleggio auto;
  • ALERT PREZZI se hai impostato l’alert sarai avvisato non appena il prezzo di un volo cambia;
  • I MIEI VIAGGI potrai registrare i tuoi viaggi e averli sempre sott’occhio;
  • EXPLORE dal tuo aeroporto di partenza preferito ti verranno segnalati tutti i voli possibili con relativi prezzi;
  • SEGUI LA ROTTA DI UN VOLO ti vengono forniti gli orari reali e attuali dei voli dal tuo aeroporto preferito.

 

Come vedi l’app Momondo è molto intuitiva e sarà semplice prenotare il tuo prossimo viaggio. Se vuoi approfondire l’usabilità del sito ti lascio il link in cui ne ho parlato in modo più approfondito:

Qual è la località turistica vicino a Torino? Bardonecchia è la più vicina ed è posizionata nell’alta Val di Susa. La conosci?

Viene chiamata anche Bardonnèche in francese, dai cugini d’oltralpe, che si trovano proprio lì vicino. La cittadina, infatti, è uno dei comuni più a ovest d’Italia e oggigiorno è attraversata, ahimè, dai profughi africani in cerca di fortuna in territorio francese.

Bardonecchia è natura

Vivono oltre 3000 abitanti anche se durante il periodo natalizio il numero raddoppia. Bardonecchia è una conca circondata da 4 valli:
  • Valle Stretta
  • Vallone del Frejus
  • Valle della Rho
  • Vallone di Rochemolles

È attraversata dalla Dora di Bardonecchia, affluente della Dora Riparia. Per raggiungerla ti basterà prendere l’autostrada A32 da Torino, distante 90 chilometri, ciò significa un’ora circa di guida. Oppure, sempre dalla capitale piemontese e più precisamente dalla stazione ferroviaria Susa, si arriva a Bardonecchia con un collegamento diretto. (Se ti fermi a Torino scopri cosa puoi vedere in questo articolo)

Bardonecchia è sport

 

Sì tratta di un importante centro per gli sport invernali, grazie alla sua posizione a 1.312 m s.l.m. Sono apprezzati dagli sportivi gli impianti di risalita nel Monte Jafferau e nel Colomion. 
Nel comprensorio si contano 17 chilometri di piste da fondo e 10 chilometri di percorsi per racchette da neve, un totale di 100 chilometri di piste innevate artificialmente, un half pipe olimpico, uno snow park e un boardercross.

Per chi ama fare escursioni invece ci sono sentieri nelle Dolomiti di Valle Stretta, Il Monte Thabor, la Punta Nera, la Punta del Frejus e la Rognosa di Etiache. Pierre Menue è invece la più alta vetta delle Alpi Cozie settentrionali.

E se ancora sci, snowboard e passeggiate non ti interessano, ci sono dei bellissimi laghi. Il più famoso è chiamato lago Verde, grazie ai suoi riflessi cangianti.

Si raggiunge con una piacevole passeggiata di 45 minuti passando per i rifugi Re Magi e III Alpini. L’altro è di origine artificiale, un invaso destinato a uso idroelettrico, chiamato lago di Rochemolles, originato dal torrente omonimo.

 

immagine del lago verde

La bellezza incontraminata del lago verde… non viene voglia di tuffarsi?

Bardonecchia è storia e cultura

 

La sua fondazione risale a tempi antichi ed è quindi possibile trovare testimonianze nelle sue chiese e nelle architetture. Il forte di Bramafam difendeva la cittadina dagli attacchi invasori. Una volta castello oggi è diventato museo ed è abbarbicato sulle pendici sopra la conca.

Nel borgo vecchio si trova la Chiesa parrocchiale di Sant’Ippolito,ossia un luogo di culto del 300, ristrutturata nel 900 a seguito dell’esondazione di uno dei torrenti che attraversano il paese.

Delle tracce antiche rimane il campanile di architettura romanica, con una guglia ornamentale in rame, un coro in legno risalente però al XV secolo, un Fonte battesimale originale e una Croce in argento.

Nel 1913 venne costruito il Palazzo delle Feste in perfetto stile liberty. L’idea era quella di creare un luogo in cui ritrovarsi e organizzare eventi, ed è così ancora adesso, il palazzo, infatti, ospita ogni tipo di manifestazione.

Non ebbe la stessa collocazione la Colonia 9 Maggio, una costruzione fascista adibita a varie attività, riconvertita in villaggio olimpico per l’edizione delle Olimpiadi Invernali di Torino del 2006.

 

piste da sci

Molte piste da scii per gli appassionati, io vi raggiungo a piedi!

Bardonecchia è shopping

 

Fu lo statista Giovanni Giolitti a eleggerla come luogo di riposo per gli industriali torinesi che lo presero a esempio. La località sciistica vicino a Torino non poteva avere rappresentanza migliore per farla diventare un posto di élite.

La via principale, via Medail, è adibita allo shopping. Vi si trovano sia ristoranti, che negozi di artigianato locale. Fra i più interessanti un negozio con opere in legno e la pasticceria Ugetti famosa per i suoi krapfen e le creazioni di cioccolato.

La strada è lunga circa un chilometro e collega la stazione dei treni al borgo vecchio di Bardonecchia. Durante i giorni festivi e i periodi di vacanza è interdetta al traffico e si trasforma in via prettamente pedonale.




*** SENSI IN VIAGGIO ***

Il Genius Loci di Bardonecchia ha mille sfaccettature difficili da definire in una sola breve visita. Può essere solare come ombroso, caldo e affettuoso come freddo e impetuoso. Il tempo ne decreta il variabile umore.
Le passeggiate da fare con un po’ di flânerie nel centro permettono di rinfrescare la vista, l’odorato, l’udito e il tatto con sensazioni inaspettate ed estremamente personali.
Solo su una cosa si andrà tutti d’accordo, ossia sulla tavola. Quando il cibo farà la sua entrata trionfale nulla potrà essere più conviviale, comunitario e accogliente.
Non esisteranno confini ma solo la vicinanza dei commensali siano essi italiani, stranieri, bianchi, rossi, alberi, animali o qualsiasi altro essere vivente. W il cibo e l’unione che crea!
Musica consigliata: Forbidden Colours – Ryuichi Sakamoto

Lettura consigliata: Ikigai – Bettina Lemke


Momondo è una piattaforma web dedicata al mondo dei viaggi nella quale puoi trovare le migliori offerte presenti sul mercato. In gergo tecnico viene chiamata “motore di ricerca” perché confronta offerte di viaggi, voli e hotel.

Non si acquistano direttamente i servizi ma si viene indirizzati su piattaforme esterne, in modo da rapportarli e trovare l’offerta migliore. Utenti da tutto il mondo la usano ritenendosi pienamente soddisfatti del layout di prenotazione.

Fu fondata nel 2006 a Copenhagen è stata eletta come miglior sito di comparazione voli dai giornalisti della CNN, New York Times e Daily Telegraph. Ancora oggi continua la sua ascesa affacciandosi a quasi tutti i mercati europei e internazionali.



Come funziona la piattaforma Momondo

 

Nella schermata iniziale si nota il pannello dal quale è possibile iniziare la ricerca di voli, hotel o auto. In base alla scelta effettuata troveremo altre sezioni nelle quali inserire i dati richiesti. Le principali sono:

  • Trip finder
  • Discover
  • I miei viaggi

Trip finder permette di trovare voli con i prezzi più bassi inserendo il budget che si vuole spendere, l’aeroporto di partenza e di arrivo, il numero di passeggeri e il periodo desiderato.

Scegliendo le opzioni di volo con questi tre parametri: “qualsiasi, ovunque, in qualunque momento” si scopre il periodo più economico in cui volare. Si può anche scegliere la meta in base ai parametri città, spiagge, natura, sci, shopping e vita notturna.

 

Volo conveniente per Tokyo dalla piattaforma momondo

 

Discover è dedicata ai blog: vi si trovano articoli interessanti da cui prendere spunto per i propri viaggi. Facile la consultazione grazie alla suddivisione in categorie. Sono articoli redatti dai travel blogger e quindi vissuti in prima persona, corredati da suggerimenti utili per non perdere alcuna attrazione.

L’area I miei viaggi è più personale ed è il luogo in cui arrivano gli aggiornamenti in caso di ritardo o problema con il volo ma puoi anche condividere il programma di viaggio con gli amici o richiedere informazioni relative alla località scelta. Per fare questo dovrai però sincronizzare la tua posta elettronica, seguendo le indicazioni che compaiono sul sito.


Ulteriori informazioni:

In fondo alla home page trovi la sezione che riguarda la lista delle compagnie aeree che collaborano con Momondo ordinate in ordine di preferenza da parte degli utenti. La lista è in continua variazione e segue l’andamento delle vendite.

La seconda, invece, riguarda le tasse delle compagnie aeree relative alla politica dei bagagli e degli accessori. Utile per calcolare la convenienza di una compagnia rispetto a un’altra.

Infine ti volevo segnare che Momondo esiste anche in versione mobile scaricabile da smartphone con sistema iOS e Android.