Articoli

Ti piacerebbe fare più escursioni fuori porta ma non sai con chi andare? La soluzione in questo caso è una e si chiama Meeters. Si tratta di una community virtuale che poi si riunisce nel reale per fare gite ed escursioni nel weekend.

L’ideale per chi ha amici, parenti, compagni o conoscenti pigri che preferiscono trascorrere il fine settimana sul divano piuttosto che partire alla scoperta di qualche luogo sconosciuto vicino casa.

La soluzione è perfetta perché attraverso Meeters si può conoscere gente nuova e visitare luoghi immersi nella natura o passeggiare nelle città d’arte, a pochi chilometri di distanza da casa.

Tutto questo affinché tu non debba allontanarti troppo o annoiarti facendo un’escursione in solitaria. Questa soluzione è ideale per chi ha voglia di viaggiare e di visitare nuove località ma non da sola, poiché ama circondarsi di persone con cui interagire.

 

Escursioni fuori porta in compagnia di nuovi amici

 

Serve iscriversi alle escursioni fuori porta?

 

Sebbene Meeters sia presente nel sito online e nel gruppo Facebook è essenzialmente un’associazione e, di conseguenza, va pagata una tassa di iscrizione.

Dopo esserti iscritto potrai selezionare le uscite che ti interessano in base alla regione di appartenenza. Al momento le regioni in cui avvengono gli incontri Meeters sono:

  • Toscana
  • Friuli Venezia Giulia
  • Veneto
  • Lombardia
  • Piemonte
  • Emilia Romagna
  • Liguria
  • Trentino Alto Adige.

 

Si può portare il cane in base all’esperienza di viaggio e comunque è meglio informarsi leggendo le avvertenze di ogni singola escursione in programma.

L’obiettivo delle escursioni fuori porta è quello di visitare dei posti unici e di stringere amicizie affinché si formi un gruppo solido che possa ritrovarsi con una certa frequenza.

Seguendo questa logica, dunque, gli incontri sono organizzati senza limiti di età. Possono, quindi partecipare sia chi non ha ancora iniziato l’università che la persona già in pensione. Un modo per confrontarsi e rendere il gruppo il più diversificato possibile.

Aggiornamento gennaio 2024: Meeters ha ampliato le offerte, le quali comprendono ora anche i viaggi oltre alle escursioni.

Gli itinerari viaggio fai da te sono uno strumento pratico e utile per organizzare le visite da fare e il budget da spendere. Si tratta, in sostanza, di mettere nero su bianco il programma che abbiamo ideato prima di partire.

Come fare un itinerario di viaggio fai da te

 

Il metodo più efficace per avere tutto sotto controllo è annotare i vari spostamenti, gli indirizzi e gli orari inerenti al nostro prossimo viaggio. Questo per essere pronti nel momento giusto, senza perdere tempo a consultare siti, applicazioni, email o documenti.

Se non sei il tipo di persona avvezza ad avere un block notes con sé, ti consiglio di prendere esempio dall’immagine che ti ho messo qui sotto, in modo da creare gli itinerari viaggio fai da te ideali.

I punti fondamentali che dovrai assolutamente segnare saranno i seguenti:

  • Orario di partenza e di arrivo dell’aereo
  • Numero di riferimento dell’aereo
  • Dettagli dell’hotel corredato da link pagina prenotazione e indirizzo per il navigatore
  • Lista delle cose da fare, da vedere e le indicazioni per i tour organizzati
  • Budget previsto

A questi si dovranno aggiungere i riferimenti delle agenzie che organizzano le gite (qualora ve ne fossero), gli orari e i contatti dei responsabili da chiamare in caso di problemi.

Solitamente i tempi di visita previsti non vengono mai rispettati e quindi si dovrebbe calcolare un lasso di tempo maggiore, al fine di poter effettuare tutte le visite prefissate.

Un’altra voce che viene costantemente disillusa è quella del budget, perché spesso si spende più di ciò che si prospetta; anche in questo caso vanno considerate le spese extra per non avere una brutta sorpresa.

Dove conservare tutti i dati scritti?

 

L’itinerario di viaggio sarebbe bene conservarlo in qualche tasca o portafoglio che sappiamo avere sempre con noi, in modo da consultarlo in caso di necessità.

Un modello di itinerario a titolo di esempio per trarne ispirazione è quello che uso di solito io:

 

Modello itinerario

 

Che ne pensi degli itinerari viaggio fai da te?

Un altro strumento utile per organizzare itinerari di viaggio, soprattutto se si fa in auto, è quello offerto da Google Maps, te ne parlo qui.

Potrebbe essere utile anche utilizzare una mappa mentale dei viaggi al fine di avere ogni cosa sotto controllo.

Come ultimo suggerimento volevo indicarti un software da scaricare sul tuo computer con il quale può direttamente scrivere sul modello di itinerario di viaggio che ti ho proposto.

Si tratta di PDF-Viewer: è gratuito e lo puoi installare sul desktop del tuo computer. Carica il documento cercandolo su file – apri. Per scrivere, invece, vai su strumenti – commenta e annota – testo.

Senza stampare il foglio potrai elencare ciò di cui necessiti per il tuo viaggio e alla fine fare un semplice screenshot salvandolo sul telefono.

 

La versione cartacea

Se preferisci avere un supporto cartaceo per annotare i tuoi viaggi puoi utilizzare un diario creato per noi viaggiatori: l’itinerDiario. Si tratta di un’agenda pensata per organizzare le vacanze, dove poter scrivere tutti i riferimenti di viaggio.

Il diario è composto da tre sezioni suddivise in base al soggiorno da 3, 7, 14 giorni più una pagina vuota per eventuali giorni in eccesso. La prima parte è dedicata alla lista di viaggio dove scrivere gli indumenti e gli oggetti che porterai con te. Ti sarà utile avere una lista per non esagerare!

 

lista di viaggio parte uno e due

La seconda parte sarà dedicata alla vacanza vera e propria da 3, 7 o 14 giorni, in cui potrai annotare i tour che farai e i siti che andrai a visitare in modo da tenere tutto sotto controllo e non tralasciare nulla. Ci sono quindici sezioni da 3, 7 e 14 giorni per un totale di 354 pagine, quindi l’Itinerdiario ti accompagnerà per parecchio tempo.

 

3 giorni di vacanza

Esempio di tre giorni + la pagina vuota per aggiungere altri giorni

 

La terza parte e ultima parte è pensata per trascrivere i riferimenti tecnici del viaggio come i collegamenti dei mezzi pubblici, l’indirizzo dell’hotel, il budget previsto e l’orario di partenza e di arrivo. Questa sezione è importante per tenere sotto controllo eventuali cambiamenti e per inserire i numeri dei voli o degli altri mezzi di trasporto.

 

partenza e arrivo

 

Ho pensato di creare questo fantastico diario perché volevo avere un supporto unico in cui inserire tutte le informazioni del viaggio che fosse di facile consultazione e comodo da trasportare. Per questo ho scelto il formato brossura più leggero e pratico.

 

Trovi in vendita l’itinerario viaggi fai da te su Amazon al prezzo di 12,90€:

Itinerdiario: l’agenda dei viaggiatori

Come funziona Google My Maps? Con questo strumento potrai creare i tuoi itinerari di viaggio e muoverti in totale libertà. Finalmente puoi creare tragitti ad hoc seguendo i tuoi desideri in linea con i tempi necessari alla visita.

Come funziona Google My Maps?

 

La prima cosa da fare è connetterti a questo link e cliccare su INIZIA. Il secondo passo è quello di cliccare nuovamente su CREA UNA NUOVA MAPPA.

Se vuoi essere preciso clicca sopra a MAPPA SENZA TITOLO per dare un nome al tuo itinerario in modo da poterlo recuperare e distinguerlo dai prossimi che creerai.

Puoi aggiungere anche una piccola descrizione in cui andare a inserire tutte le località che vuoi vedere o i dettagli che vuoi ricordare.

Successivamente vai sulla stringa di ricerca di Google Maps e scrivi il nome del paese o della città che andrai a visitare. In questo modo avrai la schermata della mappa e potrai indicare il tuo punto di partenza.

 

Esempio: se arrivi in aereo e vuoi spostarti in altre città metti come punto di partenza l’aeroporto o direttamente la struttura ricettiva nella quale soggiornerai.

 

In basso a destra della cartina ci sono i pulsanti per aumentare o diminuire la mappa e vedere interamente l’itinerario che andrai  a tracciare. Per aggiungere gli altri indicatori ti basterà andare nella località desiderata e cliccare sotto la stringa di ricerca di Google Maps il segno con una specie di palloncino.

A quel punto ti si aprirà una finestra con scritto PUNTO 2: puoi cancellare e scrivere il tuo personale riferimento. Per esempio “Una notte a Verdon sûr la Mer”. Continua seguendo lo stesso procedimento con gli altri punti da visitare fino a creare la tua mappa completa. 

 

schermata dell'itinerario su google my maps

Questa è una schermata semplice di un itinerario non personalizzato

 

ICONE nell’indicatore

Sempre sulla stessa finestra o cliccando sopra la città che si desidera inserire nella mappa (nella foto Bordeaux), appaiono delle piccole icone utili ad apportare cambiamenti di personalizzazione della mappa.

Il primo, con il disegno di un contenitore, riguarda lo STILE dove puoi cambiare colore o aggiungere delle icone che rappresentano un parcheggio, una spiaggia, un hotel, eccetera.

Il secondo, con disegnata una penna, è il pulsante di MODIFICA dove puoi apportare dei cambiamenti a ciò che hai precedentemente scritto come titolo e descrizione.

L’icona con la freccia ti permette di inserire le indicazioni stradali per raggiungere le località l’una all’altra e infine l’ultimo pulsante serve a cancellare il luogo registrato. 

 

Pulsanti di creazione mappa

 

ICONE stringa di Google my Maps

Sotto la stringa di ricerca di Google Maps ci sono altre icone: le prime due con le frecce servono per annullare e ripetere la ricerca.

La mano ti permette di scivolare su e giù per la mappa. Il palloncino l’abbiamo già visto mentre l’indicatore serve per selezionare una località.

I tre palloncini uniti dalla linea sono molto interessanti perché ti permettono di aggiungere dei percorsi per auto, per bici o per pedoni, in base al mezzo di trasporto che utilizzerai. 

Nella penultima icona puoi aggiungere delle indicazioni e nell’ultima, invece, ti potrai sbizzarrire a misurare o calcolare le distanze. La misura delle distanze è utile per calcolare il tempo di ogni escursione. 

 

Icone di google my maps

 

Infine cliccando sopra i puntini alla destra del titolo del tuo itinerario appena creato potrai:

  • creare una nuova mappa
  • copiare la mappa
  • aprire una mappa
  • spostare la mappa nel cestino
  • impostare una visualizzazione predefinita
  • incorporarla nel tuo sito internet
  • esportarla
  • stamparla

 

Altri pulsanti di Google my Maps

 

Non ti rimane che fare delle prove per testare e affinare le tue capacità e diventare un creatore di mappe assolutamente perfetto. Grazie a questo strumento per i tuoi viaggi non ci saranno più brutte sorprese!

 

Se hai ancora qualche dubbio qui trovi la descrizione completa fornita da Google per utilizzare al meglio il tuo costruttore di mappe con le risposte a ogni tua domanda.