Articoli

Skiplagged recensione: viaggiare e risparmiare in modo ridicolo con promozioni che non troverai in nessun altro sito presente nel web. Questo è lo slogan scritto nell’home page dell’azienda. Cosa significa?

SKIPLAGGED RECENSIONE

 

Skiplagged nasce dalla mente di un ventiduenne americano di nome Aktarer Zaman che se ne andava in giro per il web ricercando le tariffe aeree migliori.

Vagliando e studiando le varie tratte, si accorse che spesso risultava più economico prenotare un volo con diversi scali per una destinazione lontana piuttosto che prenotare un volo diretto.

Tutto ciò, in effetti, corrisponde al sistema arcano delle leggi aeroportuali.

Seguendo questa logica, valida prevalentemente per i viaggi intercontinentali, il viaggiatore compera il biglietto aereo per una destinazione di lungo raggio ma scende a uno scalo intermedio.

Ti faccio un esempio: prenoto un volo da Venezia per Città del Guatemala ma in realtà voglio scendere a Cancun. Se acquisto il volo diretto Venezia-Cancun mi costerà di più che non prendere un volo che giunge a Città del Guatemala ma fa scalo a Cancun.

Non si sa perché ma risulta più conveniente usare questa tecnica invece di acquistare un biglietto diretto. 

 

Foto da Livingston

Bisogna ricordare, però, che se si prenota un viaggio tramite questa piattaforma, è necessario viaggiare solo con il bagaglio a mano, per non ritrovarsi senza valigia alla fermata intermedia.

 

Molte persone sono rimaste soddisfatte dall’utilizzo del sito tanto da farlo crescere in modo esponenziale in un breve lasso di tempo. In più il giovane imprenditore ha fatto un gran lavoro di passaparole e pubblicità casalingua sul web per far conoscere in tutto il mondo il suo progetto. 

 

Il sito ha fatto infuriare il personale aereo tanto da aver richiesto la rimozione dello stesso. Gli organizzatori delle compagnie aeree lamentano, infatti, problemi gestionali importanti e ritardi dovuti alla mancata presenza nei voli.

Aktarer ovviamente non ci sta ed è tutt’ora in causa per verificare se il procedimento possa essere considerato legale o meno. Ha attivato una campagna di crowfunding per difendere i suoi diritti e quelli dei viaggiatori.

 

Ho cercato aggiornamenti riguardo i risultati della causa civile ma non ho trovato alcuna notizia nel web. Il sito, tuttavia, continua a funzionare pertanto credo che, vinta o persa la sfida, a noi viaggiatori rimane un’opportunità in più per risparmiare sui voli.