Articoli

Qual è il mio posto nel mondo? Questa la domanda posta ai suoi ambassador da Momondo. E per me è solo una: San Pedro nel lago Atitlan in Guatemala.

La sua atmosfera semplice e naturale mi ha colpita non appena sono scesa dalla lancha. Mi sono ritrovata in un mondo perso nel tempo dal fascino magnetico e mi sono sentita a casa.

Il lago Atitlán è un gioiello nascosto tra le montagne e i vulcani dove il tempo segue il ritmo della natura e le barche navigano silenziosamente tra le sponde.

Le città principali che si affacciano al lago Atitlán sono:

  • Panajachel
  • Santa Cruz de la Laguna
  • Jaibalito
  • Tzununá
  • San Marcos la Laguna
  • San Pablo la Laguna
  • Santa Clara la Laguna
  • San Juan la Laguna
  • San Pedro la Laguna
  •  Santiago Atitlán
  • San Lucas Tolimán.

Il lago è circondato da piantagioni di caffè di ottima qualità, piante di avocado e da un’agricoltura florida. È possibile salire in tre ore, se si è allenati, alla cima del vulcano San Pedro di 3020 metri. Si può scegliere se partire all’alba o in tarda mattina.

Da Santa Clara si può salire alla Nariz de l’Indio da dove si gode una magnifica veduta sul lago oppure fare un’escursione al Cerro de Oro di 1892 metri nella parte opposta del lago.

Spostarsi tra un paese e l’altro è semplice grazie all’agile servizio di  traghetti, chiamati lanche, e alle partenze frequenti. Oppure si può girare a bordo di un Chicken Bus. Spostarsi in macchina da soli invece non è consigliato a meno che non si faccia il pezzo da San Pedro la Laguna a San Juan la Laguna.

 

lago di atitlan

Veduta sul lago Atitlan

Le cittadine sul lago Atitlan

 

PANAJACHEL

Panajachel è chiamata Pana o Gringolandia a testimonianza della presenza massiccia di turisti americani. È la città più commerciale di tutta l’isola dove si trovano bancarelle ricche di prodotti tessili artigianali.

Numerosi hotel si affacciano sulla via principale tra ristoranti e negozi. Si trovano supermercati dove poter acquistare cibi americani o europei. Nel resto del lago invece ci sono solo piccoli negozi di alimentari.

SAN MARCOS LA LAGUNA

San Marcos la Laguna è famoso per i centri olistici e spirituali. Persone di tutto il mondo scelgono di vivere seguendo i precetti delle filosofie spirituali abbandonandosi allo studio dello yoga o rilassandosi con massaggi e meditazioni.

SAN JUAN E SAN PEDRO LA LAGUNA

San Juan la Laguna è un paese piccolo e con poche soluzioni recettive. È conosciuto per le piantagioni di caffè biologico e per la produzione di cotone e l’uso di tinture naturali.

San Pedro la Laguna è la seconda città più grande dopo Panajachel e centro culturale del lago. Qui si incontrano viaggiatori provenienti dall’Europa, America e Asia che vengono per studiare lo spagnolo in una delle numerose scuole favoriti dal clima piacevole, i prezzi competitivi e il livello di insegnamento.

SANTIAGO ATITLÁN

Santiago Atitlán è il paese con la più forte connotazione nativa dove si svolgono antichi rituali e l’orgoglio delle tradizioni si fa sentire prepotentemente.

Una volta raggiunto il molo di Santiago si è assaliti da giovani guidatori di tuk tuk che propongono tour della città. Si può così sfrecciare tra le vie cittadine ascoltando le vicissitudini di questa interessante parte del lago. I negozi e le bancarelle hanno i prezzi più bassi della zona.

 

foto di me nel lago atitlan

Sulla cima della Nariz de l’Indio

Il mio posto nel mondo

 

Sono rimasta un mese a San Pedro de la Laguna e da subito mi sono sentita a mio agio. Devo ammettere però che l’esperienza non è stata molto semplice.

Avevo affittato una bellissima casa prefabbricata in riva al lago. La mattina mi svegliavo con il canto degli uccellini, lo sbattere delle ali dei colibrì che venivano a succhiare il nettare dei fiori vicino alla finestra della cucina e il rumore delle barche in transito.

Si chiamava “La Casita” ed era un ninnolo affettuoso appropriato. Era composta da tre stanze suddivise in soggiorno, camera e cucina. All’esterno un grande giardino con piante di caffè e avocado, fiori profumati e una vista sul lago eccezionale.

La sistemazione era molto basica, non avevo la televisione, né la radio o qualsiasi altra cosa. C’erano solo dei libri sugli scaffali. Ma era perfetto così, era il momento di estraniarmi dal mondo e quel luogo mi permetteva di farlo.

Alla mattina andavo a fare yoga e al pomeriggio studiavo spagnolo. Tutto era meraviglioso finché non arrivò lui…

Purtroppo scoprii in fretta di non essere l’unica abitante di quella magnifica casa. Assieme a me aveva messo dimora uno scorpione. Il primo incontro fu sulla tenda della vasca, mentre mi lavavo i capelli.

Mentre stavo canticchiando e frizionando i capelli mi accorsi di una presenza sospetta sulla tenda. Era qualcosa di nero ed era anche grosso! Guardai meglio e vidi uno scorpione con la coda alzata in segno di difesa.

Entrai nel panico.

 

la mia casita vista da fuori

L’esterno della casita

 

Ma siccome non potevo scappare così com’ero finii di lavarmi i capelli, trovai il modo di spostare la tenda e corsi fuori dal bagno richiudendo immediatamente la porta dietro di me.

La prima cosa che feci fu controllare su google se gli scorpioni in Guatemala fossero mortali. Niente di tutto ciò ma non mi tranquillizzai. Passai il resto della serata pensando sul da farsi, sperando se ne andasse il prima possibile.

La mattina dopo dovetti andare in bagno e non lo vidi. Gridai al miracolo fino a che non lo vidi nascosto nell’intercapedine della porta. Presi i libri sugli scaffali e li misi sotto la porta in modo che non uscisse da lì.

foto dello scorpione

La mia “mascota”

Però il soffitto era pieno di buchi e sarebbe potuto uscire in qualsiasi modo.

Speravo lo facesse dalle fessure che davano verso l’esterno. Parlai di questo al mio professore di spagnolo che mi disse di ucciderlo. Una parola…

Per molti giorni non lo vidi e avevo quasi dimenticato l’esperienza quando una sera di vento forte vidi uno scorpione entrare in tutta fretta dalla fessura della porta di entrata.

In un attimo presi la scopa e iniziai a spingerlo verso l’esterno ma rimaneva attaccato alle fibre e tenace, tentava di avanzare. Alla fine ebbi la meglio e riuscii a farlo scappare.

Mi sedetti con il cuore in gola e sul più bello che mi stavo calmando eccolo ricomparire. Ripetei i gesti un’altra volta fino a farlo sparire. Questa volta chiusi la fessura con dei libri, ciabatte, sacchetti di plastica, tutto quello che mi capitò fra le mani.

Ripetevo quell’operazione ogni volta che uscivo e rientravo di casa. La presenza funesta poteva manifestarsi la sera o quando faceva più freddo del solito.

 

Aliexpress WW

Nuovamente ritornò la calma fino a che, una sera, non sentii dei rumori provenire dalla cucina.

Sentii come un fruscio sui sacchetti di pasta che avevo acquistato giorni prima al supermercato. Andai a vedere e vidi lo scorpione che si muoveva agilmente fra il mio cibo. Mi salì definitivamente il nervoso!

Questa volta afferrai il martello e appena fu sul muro, vicino al frigo, lo colpii con poca forza. In realtà l’attimo prima provai un moto di compassione e quindi il mio colpo finì a vuoto.

Lui, da abile attore, fece finta di essere stato colpito e finì sotto il frigo. Spostai il frigo perché tra la cucina e la camera non c’era la porta e non potevo dormire con l’idea dello scorpione che girava per casa. Si sarebbe sicuramente vendicato!

Spostai con fatica il frigo ma dello scorpione non c’era più traccia. Quella notte dormii con il martello vicino al cuscino.

Quella fu l’ultima volta che vidi il mio coinquilino, la “mascota” come l’aveva chiamata il mio professore di spagnolo, ossia il mio animale domestico. Nonostante la disavventura però quel luogo mi è rimasto nel cuore.

Lì avevo realizzato il sogno della mia vita: vivere vicino alle montagne e all’acqua in modalità semplice e senza grande pretese. Prendere la verdura dall’orto del vicino e cibarmi con i prodotti locali cucinati dalle abili casalinghe guatemalteche.

Andare al mercato e comprare ogni sorta di prodotti esotici, dalla frutta al caffè fresco e perfino la cioccolata pura al 100%. Fu difficile riportare le chiavi al legittimo proprietario, ma il mio viaggio doveva continuare. Dovevo visitare ancora l’Honduras e il Belize!

 

Se anche a te interessa fare un viaggio in Guatemala ho scritto una guida completa per organizzare al meglio il tuo viaggio. La trovi in vendita qui:

Se mai ti venisse voglia di partire all’estero per studiare lo spagnolo ti consiglio caldamente di valutare un corso di spagnolo in Guatemala a San Pedro de la Laguna.

Immerso nella natura vulcanica si nasconde un villaggio di pescatori con un importante numero di scuole di lingue. Sono le più economiche che puoi trovare in tutto il Guatemala.



San Pedro de la Laguna

Se dovessi scegliere un luogo nel mondo dove trasferirmi senza troppi pensieri correrei qui. Ho trascorso un mese due anni fa, per studiare lo spagnolo e fare un corso di Ashtanga yoga (leggi l’articolo completo qui)

Incastonato sulle pendici del vulcano San Pedro, il villaggio è bagnato dal lago Atitlán, vissuto fin dall’antichità dalle popolazioni maya.

Qui troverai usanze e costumi rimasti intatti nel tempo. Avrai la possibilità di raccogliere la verdura direttamente dall’orto o aiutare i paesani nella coltivazione del caffè.

Il tempo sembra si sia fermato e nell’aria si respira semplicità, serenità e tranquillità. I ritmi sono lenti scanditi dall’eterna primavera: caldo di giorno, più fresco la sera e la mattina. Un idilliaco luogo in cui rinascere.

Ma non credere che sia poco frequentato. La città richiama infatti persone da tutto il mondo, un crocevia di culture che scelgono proprio San Pedro come tappa fondamentale in un viaggio in Guatemala.

E gli abitanti sono ben felici di accogliere i visitatori con larghi sorrisi e un saluto che non viene mai negato a nessuno. Questa è la mia dichiarazione di amore per te, San Pedrito <3

 

Corso di Spagnolo in Guatemala

 

Nel tempo ho mantenuto amicizie nate proprio in questo comune e alcune settimane fa mi ha contattato Kathy, una ragazza che lavorava nel centro in cui facevo yoga.

Mi ha raccontato di aver cambiato lavoro e con orgoglio ha dichiarato di essere diventata insegnante di spagnolo.

Abbiamo scherzato un po’ sul fatto che ora avrebbe potuto correggere i miei errori grammaticali e mi ha spiegato che la appassiona molto questo nuovo ruolo.

La scuola nella quale insegna è Lake Atitlan Spanish Schoolcon docenti certificati dal Ministero dell’Educazione del Guatemala e tutti parlanti la lingua inglese. E tutti locali.

Lo scopo della scuola è proprio quello di assumere persone del posto per offrire loro un lavoro, oltre a sostenere progetti  per il sostentamento delle famiglie più indigenti.

Building my dreams” è il nome del progetto (costruendo sogni) dove ogni alunno può dare il suo piccolo contributo facendo qualcosa per lui ma anche per gli altri. Nonostante il villaggio sia frequentato dai turisti, molte persone vivono con salari molto bassi e necessitano di aiuto.

Proprio per questo la maggior parte delle scuole di spagnolo a San Pedro pensano agli altri. E non appena conosci la popolazione e ti rendi conto di quanto sia ospitale, verrà voglia anche a te di fare altrettanto. A San Pedro si respira una “buena onda” e sicuramente questa scia prenderà anche te.

 

Vista dall'alto e fra le nebbie il lago Atitlan

Informazioni generali sui corsi e prezzi

 

Le lezioni si svolgono all’aperto, immersi nella natura, al riparo dal sole. Sarai a tu per tu con l’insegnante seguendo un percorso ad hoc che si abbini perfettamente alle tue attitudini, conoscenze e livello di studio. Stabilirai assieme a lui le tue priorità, gli orari, la frequenza e il metodo di studio. 

Se preferirai fare delle lezioni itineranti avrai la possibilità di farle. Se vorrai dedicarti alla comunicazione con i locali o fare attività extra formative, potrai proporre ogni cosa ti passi per la testa senza problemi.

Non ci sono protocolli rigidi da seguire. Tutto ciò che dovrai fare è impegnarti nello studio senza annoiarti o saltare le lezioni.

Ho detto che i prezzi sono tra i più competitivi di tutto il Guatemala ed è veramente così, guarda la tabella:

  • 2h al giorno per 10 h settimanali circa 67 € a settimana;
  • 3h al giorno per 15 h settimanali circa 78 € a settimana;
  • 4h al giorno per 20 h settimanali circa 104 € a settimana.

Se poi vuoi aggiungere anche l’alloggio per vivere completamente immerso nella cultura locale e imparare tutto ciò che c’è da sapere sui maya e le loro tradizioni pagherai 76 € a settimana con il bagno condiviso o 88 € con il bagno privato.

In più sarai in compagnia di una famiglia che ti saprà consigliare sulle attività da fare e su come muoversi lungo tutto il lago. Attorno infatti ci sono altri bellissimi paesi da vedere come San Marcos la Laguna, Panajachel, Santiago, eccetera.

Ma se per mancanza di tempo o di occasione non puoi andare a San Pedro e godere della sua terra magica puoi sempre rivolgerti alla scuola per il corso.

Organizzano anche corsi di spagnolo via skype basta chiedere informazioni più dettagliate agli insegnanti. Ti lascio anche la loro pagina facebook: lake atitlan spanish school.

Non potresti iniziare l’anno nel migliore dei modi quindi prepara la valigia e parti per il tuo corso di spagnolo in Guatemala!




Io e lo yoga:

La mia esperienza in Centro America:

Sai che ho scritto anche una guida completa sul Guatemala? La trovi qui:

Un anticipo su quello che troverai nella guida puoi leggerlo qui: