Articoli

Ti è mai capitato o hai pensato di dormire in aeroporto? Come ci si organizza? E gli aeroporti sono aperti la notte o chiusi? A queste domande accorre in aiuto il sito Sleeping in Airports fornito di tutte le informazioni di cui necessitiamo.

Il portale è scritto, ahimè, completamente in inglese e questo potrebbe risultare un problema per chi non è avvezzo alla lingua di Shakespeare. Ma possiamo sfruttare il servizio di traduzione gratuito fornito dai vari browser.

Su Google Chrome, per esempio, basterà cliccare con il tasto destro sulla pagina per trovare la voce “traduci in italiano”. Da smartphone, invece, dovrai cliccare sui tre puntini in alto a destra dello schermo e selezionare la voce “traduci”.

 

La mia esperienza

 

Il sito Sleeping in Airports è pensato per chi deve viaggiare con voli che arrivano in tarda serata o che partono in mattinata e non riesce a soggiornare in qualche struttura.

A me è successo quella volta in cui sono andata in Giordania. Il volo partiva da Bologna alle sei di mattina. Io abito a Romano d’Ezzelino, vicino a Bassano del Grappa, in provincia di Vicenza, quindi ho optato per la soluzione della partenza in serata per raggiungere Bologna e trascorrere la nottata in aeroporto.

Non conoscevo ancora il sito in questione quindi mi sono dovuta barcamenare con i pochi commenti trovati nel web. Alla fine ho scoperto di non essere stata l’unica a fare quella scelta: nella sala c’erano, infatti, altre persone che come me, dovevano prendere lo stesso volo.

Ti posso assicurare che la notte non si trascorre in modo piacevole a causa del trambusto generale, delle luci di sottofondo e della scomodità delle sedie ma, se altro non si può fare, è sempre una saggia soluzione.

 

aeroporti dove dormire

 

Dormire in aeroporto: informazioni

 

Dalla pagina principale del sito Sleeping in Airports scopriamo le varie sezioni presenti:

  • guide degli aeroporti;
  • aeroporti migliori e peggiori;
  • altre informazioni;
  • scrivi una recensione

Oppure possiamo cercare l’aeroporto di riferimento direttamente sulla maschera di ricerca e otterremo così i giudizi dei viaggiatori, il livello di comfort dei sedili, le zone in cui è possibile riposare, la presenza del Wi-Fi, eccetera.

Ma soprattutto sapremo se l’aeroporto è aperto la notte oppure no. Non tutti rimangono a disposizione dei viaggiatori notturni pertanto è utile sapere se negli immediati dintorni ci sono delle strutture ricettive pronte ad accoglierci.

 

 

Non ti rimane che dare un’occhiata al sito per conoscerlo a fondo e scoprire se alcune informazioni possono rivelarsi utili anche per te:

 

Se ti ritrovi a dormire in aeroporti italiani prova a rintracciare informazioni sul web oltre a recensioni e giudizi lasciati da chi ha già fatto questa esperienza. E se ti serve sapere come raggiungere il centro città dall’aeroporto ti consiglio di consultare il sito aeroporti nel mondo

L’articolo in dettaglio lo puoi leggere qui:

Anche tu come me hai pochi soldi ma voglia di viaggiare? Quella non manca mai, vero? Ebbene ho la soluzione che fa al caso tuo, anzi nostro! Si chiama Campspaces ed è un sito in cui puoi soggiornare per pochi soldi a notte.

Qual è l’inghippo?

Nessuna trappola, c’è solo bisogno di un certo spirito di adattamento e condivisione.

 

Cos’è Campspaces

 

Campspaces è una piattaforma online in cui puoi prenotare il tuo soggiorno in tutta Europa riservando un piccolo spazio all’interno di un campeggio o di una casa privata. Lo stesso ti fornirà un posto in cui fare la doccia e prepararti da mangiare.

Ovviamente queste funzionalità dipendono dall’offerta perché alcune potrebbero consegnare una piazzola di sosta e nient’altro. Dovrai selezionare la proposta a te più congeniale. Detto questo ciò che va considerato è il prezzo: si parte da cinque euro a notte fino ad arrivare ai trecento euro. Cosa cambia?

Cambiano la struttura e gli optional. Tra le offerte figurano, infatti, anche camper a noleggio, glamping, case sugli alberi, capanne, semplici amache, eccetera. Come ti dicevo all’inizio dovrai armarti di spirito di adattamento per catturare l’offerta migliore. Le soluzioni proposte nel sito, a mio avviso, non sono adatte a tutti i viaggiatori ma solo ai più avventurosi, ai backpacker o ai camperisti e simili.

Una volta selezionata la proposta che si desidera nel menu di ricerca verranno fornite le informazioni, le foto, gli orari di check in e check out e la mappa per orientarsi. 

Se hai un camper, un van o una tenda ti potrai muovere agilmente in tutta Europa risparmiando sui prezzi delle strutture ricettive. Ma non solo! Potrai vivere una vacanza diversa dal solito in nome della frugalità e creare, di conseguenza, degli itinerari più ricchi.

 

 

 

Pochi soldi ma voglia di viaggiare

 

È ora di sfatare il mito secondo cui per viaggiare servono molti soldi: si può farlo anche in modo assennato, puntando sul risparmio. In cambio si riceveranno delle esperienze memorabili, la vicinanza di altri viaggiatori low cost e tanti utili consigli per visitare altri luoghi. 

Ci si ingegnerà con la preparazione dei cibi, con un consumo oculato dell’acqua e si proverà a vivere per alcuni giorni o settimane senza l’ausilio dei comfort che tanto ci impoveriscono come avventurieri.

Cambiare punto di vista potrebbe rivelarsi un’alternativa interessante e scoprire nuovi talenti e aspetti di noi ancora sconosciuti. Per farla breve: c’è molto da guadagnare e poco da perdere!

 

Se ti ho convinto a cambiare modo di viaggiare, clicca su questo link: