Articoli

Sai dove cercare mausolei e murales di Freddie Mercury? Si trovano tutti in Europa anche se uno di questi sarà difficile da visitare. Il motivo te lo spiegherò più tardi, intanto andiamo a conoscere la rockstar che a distanza di anni incanta ancora le folle.

Il pubblico sente forte la mancanza e lo chiama a gran voce durante i concerti dei restanti Queen. Al momento a sostituirlo è Adam Lambert anche se i nostalgici e i fedelissimi di Freddie sostengono non possa competere con la vera star del gruppo.

A lui sono state dedicate alcune statue e altrettanti murales perché la sua presenza è difficile da cancellare dalle menti di chi ascolta, ancora incantata, la sua voce.

Freddie Mercury e i Queen

 

Freddie Mercury è stato uno di quei cantanti capaci di attirare l’attenzione su di sé non solo per una mera questione di esibizionismo ma per il suo immenso talento artistico.

Fu un abile cantante, dall’estensione vocale immensa, un fenomenale musicista e un cantautore capace di cavalcare le hit e di scalare le classifiche mondiali.

Ebbe un infanzia movimentata: in quanto crebbe a Zanzibar, trascorse l’adolescenza in India e si trasferì a Londra. Qui conobbe gli altri componenti della band, anche se all’inizio collaboravano con un altro cantante.

Poi si aggiunse, come ultimo elemento, il bassista John Deacon e nacquero ufficialmente i Queen. La band inglese scalò ben presto il podio della musica facendosi conoscere in tutto il mondo.

Seguirono degli anni costellati da numerosi successi che ancora oggi rallegrano le radio mondiali. La coronazione da vere “Regine del Rock” i Queen la ebbero in occasione del Live Aid organizzato da Bob Geldof dove Freddie riuscì a coinvolgere il pubblico in un’esibizione memorabile, ricordata in molti video presenti su YouTube.

Pochi anni dopo, purtroppo, Freddie Mercury se ne andò per colpa di un’infezione causata dall’HIV lasciando un vuoto incolmabile nel cuore dei fan.

Ma Freddie non se n’è veramente andato: si è solo trasformato in melodia fugace, come un petalo di ciliegio, e ogni tanto ricompare nel suono di una nota che introduce a una sua canzone.

 

 

Mausolei e murales di Freddie Mercury

 

Ora che Freddie non c’è più, dove possiamo in qualche modo rivederlo? Lo possiamo fare visitando i vari mausolei e murales di Freddie Mercury sparsi in giro per il mondo.

Per mausolei intendo delle statue: due create dall’artista ceca Irena Sedlecká. La prima opera è situata nella cittadina svizzera di Montreux, posizionata nel Canton Vaud, in prossimità delle sponde del Lago Lemano.

La scelta del luogo fu azzeccata in quanto I Queen registrarono qui numerosi dischi e alla fine decisero di acquistare anche gli studi di registrazione. Oggi questi studi sono adibiti a museo, all’interno del quale si possono trovare numerosi cimeli posseduti dalla band.

La seconda statua si trova, invece, in un luogo impossibile da visitare perché a possederla nel giardino della sua villa è il batterista Roger Taylor. Quindi, a meno che non si riceva un invito formale, è chiuso ai visitatori.

Ma qualora tu ricevessi un invito e non sapessi con chi andarci – ebbene – io mi offro volontaria!

Prima di essere posizionata a casa di Roger la statua rimase per ben 12 anni davanti l’ingresso del Dominion Theatre fino a quando non sono iniziati i lavori di costruzione dell’Elizabeth Line e il teatro venne demolito.

Le ultime indiscrezioni narrano che forse un’altra statua apparirà ben presto nel suolo europeo e più precisamente a Budapest. Anche in questo caso il luogo non è scelto a caso ma ricorda uno dei più grandi concerti live per numero di spettatori svolto dai Queen nel 1986.

Il luogo sarebbe già stato scelto: di fronte al Marriott Hotel nel centro storico della città. L’evento era programmato per il 2021 ma a causa della pandemia è stato spostato a data da destinarsi.


Ticketmaster [CPS] IT

Murales di Freddie Mercury

 

Il primo graffito si trova in Italia, a Diamante (CS) in Calabria. Si trova nei pressi del centro storico, all’entrata di un negozio. Rappresenta il viso del cantante inglese attorniato dalla scritta “We will Rock you“, frase tratta da una sua celebre canzone.


L’artista John J. Mahyo ha dipinto un murale a sud di Roma con un Freddie Mercury in posa come nella statua a Montreaux. L’indirizzo esatto non l’ho trovato ma si accettano suggerimenti da chi abita in zona! I colori sono piuttosto vivaci e spaziano dal bianco, all’azzurro, al rosso e al giallo. Sopra una scritta “You can be anything You want to be” a ricordare che ognuno di noi nasconde un’anima da rockstar.


Fosk ha dedicato un murale alla rockstar inglese grazie a un progetto promosso dal Comune di Buccinasco in provincia di Milano, ritraendo un Freddie in procinto di cantare, in via Guido Rossa. In realtà, i Freddie disegnati sono due: uno in primo piano e il secondo con la sua posa classica entrata a far parte, oramai, nell’immaginario collettivo.


Un altro bellissimo dipinto murale si trova a West Ham a New Plaistow Road, ideato da Cobre Art un artista argentino che ha voluto omaggiare il ricordo di Freddie attraverso l’immagine dei suoi occhi. Il dipinto ricopre per intero un muro ed è sui toni del grigio. L’espressività dei suoi occhi pare così reale da far sentire osservati i passeggiatori che vi transitano accanto.


Il terzo graffito appare ad Almacelles, in Spagna e ritrae Freddie nel momento in cui canta mentre indossa le cuffie ed è talmente concentrato dalla musica da socchiudere gli occhi. L’artista ideatore del murale è Oriol Arumi che ha voluto dipingere l’artista e a fianco ha aggiunto una scala musicale con alcune strofe di “Bohemian Rhapsody“, una delle sue hit più celebri.


Sei un grande fan dell’artista? Vai su Amazon e cerca gli adesivi a lui dedicati. Per semplificarti la ricerca prova a vagliare alcuni adesivi su questo link.

 

street art freddie mercury

L’ultima comparsa di Freddie in Corea del Sud

 

Ha dovuto aspettare otto anni Baek Soon-yeob, un fan dei Queen, per ottenere l’approvazione della band e delle autorità locali per installare la statua omaggio a Freddie Mercury.

Si trova nell’isola di Jeju ed è stata realizzata per 37 mila euro: un’immagine iconica in bronzo di Freddie alta 1,77 metri. Una volta al mese ha inviato la richiesta di riconoscimento ai Queen per sette anni senza ottenere alcuna risposta.

Non solo i Queen non lo ricontattavano ma anche le autorità locali non davano il permesso a causa forte pregiudizio tutt’ora esistente nella società coreana nei confronti dell’omosessualità.

Ma in occasione del concerto celebrato dai Queen nel 2020 a Seoul, la casa di produzione e i componenti della band Bryan May e Roger Taylor, hanno deciso di incontrarlo, accettando e sostenendo il progetto.

Una nuova tappa per vedere il volto di Freddie esaltare la folla come era solito fare durante i concerti, come a rimarcare che la regina dei palchi rimarrà sempre e soltanto lui.

 

statua Freddie Mercury in Corea del sud

Immagine Getty images – Statua di Freddie in Corea del Sud

 

Indirizzi mausolei e murales di Freddie Mercury

 

Mausolei:

  • Per arrivare a Montreaux: da Milano Centrale c’è un treno diretto per Ginevra con fermata Montreaux (3 ore: aiutati per il percorso con il sito Rome2Rio). La statua di Freddie Mercury si trova vicino alla stazione;
  • Casa di Roger Taylor: a saperlo!
  • Prossima uscita statua a Budapest: Marriott Hotel. Tieni il link per quando ci saranno novità riguardo la messa in posa e l’inaugurazione.
  • Isola di Jeju: la posizione esatta non è ancora uscita su Google Maps (aggiornamento in corso).

Murales:

Scopri di più sulla street art:

Quali sono i borghi più belli d’Europa escludendo quelli italiani? Gli esperti hanno scelto le più visitate e le più amate dai turisti.

Non è possibile paragonare l’uno all’altro, in quanto si differenziano in posizione, architettura e cultura, ma solo presentare e dare qualche spunto per un possibile soggiorno primaverile.

I borghi più belli d’Europa

 

Reine in Norvegia

Si tratta di un caratteristico villaggio di pescatori nelle isole Lofoten. Le case sono di colore rosso, circondate da neve in inverno e di fiordi ai lati. Quante volte avrai visto la foto della cittadina nelle varie riviste di viaggi?

Pucischie in Croazia

La località si trova sull’isola di Brazza nella regione spalatino dalmata ed è apprezzata per le sue acque dalle tonalità celesti. Le sue case caratteristiche e fissate nel tempo la fanno apparire magica.

I tetti in cotto come voleva la tradizione della zona, fanno risaltare il candore pallido delle abitazioni che riluccicano con il riflesso del mare. Un’oasi protetta dalle ondate di turisti che ogni anno visitano la Croazia.



Gruyeres in Svizzera

Immagina una località svizzera circondata dalla natura e dalla rilassante tempra degli abitanti. Questa è Gruyeres, nel cantone Friburgo, che produce il famoso formaggio con i buchi.

L’architettura è di stampo medievale con un castello che domina dall’alto della collina e delle mura a difesa della città.

Rochefort-en-Terre in Francia

La città è caratterizzata da botteghe di artigiani, boutique e gallerie a rallegrare le antiche vie medievali del centro. Un borgo fiorito con i classici tetti in ardesia e l’aria frizzante della Bretagna.

 

foto di Albarracin con la sua cinta muraria

Albarracin e la sua cinta muraria

 

Albarracin in Spagna

Il comune si trova nella regione autonoma dell’Aragona ed è considerato il più bel borgo di tutta la Spagna. Sorge su uno spuntone di roccia che è stato tagliato dal corso del fiume Guadalaviar, tra paesaggi aridi e secchi.

Al suo interno nasconde monumenti che si susseguono nelle varie epoche storiche, dalle mura erette dagli arabi alle tracce lasciate dai romani. Ogni angolo è un ricordo delle dominazioni passate.

Folegandros in Grecia

Nelle Cicladi, lontano dalle rotte turistiche di Mykonos, Creta e Santorini, si trova questa graziosa località che richiama la tipica architettura ellenica. Il tempo sembra essersi fermato e gli asini lavorano ancora fianco a fianco con gli uomini.

L’isola è frequentata da moltissimi italiani, per lo più del nord, che hanno scelto di vivere in questo angolo di paradiso lontano dalla movida vacanziera.

Hallstadt in Austria

Il borgo, patrimonio dell’Unesco, si trova sulle rive dell’omonimo lago nel distretto austriaco del Gmunden. Una volta era una città mercantile raggiungibile solo via barca. Solo nel XIX secolo fu costruita una via praticabile per trasportare l’immenso quantitativo di sale ritrovato nelle miniere.

 

foto di Hallstatt che si affaccia sul lago con le montagne come sfondo

Hallstatt in Austria con le montagne sullo sfondo

 

Castle Combe in Regno Unito

Tetti spioventi, ponti in pietra e la classica architettura inglese che invita all’ordine e alla pulizia. Benvenuto a Castle Combe il borgo che è stato votato come il più bello del Regno Unito nel 1962.

Gieethorn nei Paesi Bassi

È considerato uno dei borghi più belli d’Europa e più green perché gli unici modi che hanno gli abitanti di spostarsi è tramite imbarcazione o bicicletta. Si trova, infatti, immerso in un parco naturale con un centinaio di ponti e di canali che attraversano il comune.

Il luogo è apprezzato dai turisti per la quiete e la natura incontaminata.

Cong in Irlanda

Città natale di sir William Wilde, padre del celeberrimo Oscar Wilde, si trova nella contea di Mayo ai confini con Galway. La sua particolarità è quella di trovarsi nella posizione di passaggio del fiume che alimenta due laghi.

L’architettura è quella classica irlandese con case in pietra, muretti in sassi e il verde brillante dell’erba. Tra gli edifici famosi figurano i resti di un’abbazia agostiniana e un castello riqualificato in hotel.

Anche quest’anno il World Economic Forum ha stilato una classifica sulle nazioni più sicure dove poter viaggiare. I primi dieci paesi sono da considerarsi estremamente affidabili anche per il 2018. Vediamo se tra le località elencate c’è anche la nostra prossima meta!

Classifica delle nazioni più sicure al mondo

Al primo posto troviamo la Finlandia grazie al suo basso tasso di criminalità e alle bellezze naturali che la contraddistinguono. L’aurora boreale, il sole di mezzanotte, i laghi e la natura incontaminata. Oltre alle sue famose saune e al vero domicilio di Babbo Natale.

In seconda posizione ci sono gli Emirati Arabi composti da sette nazioni: Abu Dhabi, Umm al-Qaywayn, Ajman, Ras al-Khaima, Dubai, Sharja e Fujaira. Sono considerati i paesi più ricchi del Mediterraneo e delle mete Luxury a livello Internazionale.

Al terzo posto un’altra città europea ossia l’Islanda che negli ultimi anni sta riscuotendo sempre più interesse nel mondo dei viaggi soprattutto dai turisti italiani. Le agenzie di viaggio infatti stanno proponendo sempre più spesso tour nell’isola vulcanica grazie ai suoi spettacolari panorami selvaggi.

Il quarto posto spetta invece all’Oman che piano piano sta acquistando sempre più visibilità e attira un gran numero di visitatori all’anno. La situazione socio-politica dell’Oman appare stabile grazie alle riforme fatte dal Sultano Qaboos bin Said al-Said che sta portando il paese verso una grandissima trasformazione per diversificare le entrate dell’economia nazionale. L’unica fonte di reddito attuale infatti deriva dal petrolio e le azioni del sultano puntano a cambiare questa direzione.

 

foto di spiaggia dall'alto, mare mosso e scritta adventure is here

 

“L’indice viene calcolato misurando l’insieme dei fattori e delle manovre politiche ed economiche che conseguentemente aumentano lo sviluppo del settore turistico”.

Segue Hong Kong, la capitale dello shopping, dei grattacieli e dei festival della tradizione cinese. È un luogo consigliato per le famiglie in quanto è ottimamente servito dai mezzi pubblici e ricco di attrattive per grandi e piccini.

Tocca poi a Singapore, un insieme di microcosmi integrati l’uno con l’altro, grattacieli vicino a templi cinesi; usi occidentali e folclore. Veicoli lussuosi e risciò, barche di magnati e bumboats. Ogni cosa legata assieme in un intreccio che funziona e fa crescere l’economia della nazione.

Tocca un’altra volta all’Europa con la Norvegia al settimo posto. Un’economia stabile e simile a quella finlandese che ha portato la nazione a fare degli enormi passi avanti negli ultimi cinquant’anni. Molte aziende internazionali hanno deciso di trasferirsi qui grazie agli incentivi economici concessi dal governo.

A sorpresa si trova solo all’ottavo posto la Svizzera, paradiso fiscale per eccellenza e da sempre considerato uno dei paesi europei più stabili, sicuri e felici. Secondo varie ricerche infatti gli svizzeri sono tra gli abitanti più felici del mondo.



Un’altra sorpresa la fa il Ruanda classificandosi al nono posto. Ricordato come il luogo dove si è compiuto il genocidio più sanguinoso dell’epoca recente, esattamente nel 1994, oggi riesce ad attirare quasi un milione di turisti all’anno, grazie ai parchi nazionali dove si possono osservare i gorilla.

Infine al decimo posto troviamo il Qatar

Lo scalo di Doha è una delle principali fermate per i viaggiatori che si dirigono verso il continente asiatico. Cresciuto grazie al petrolio, di stampo islamico con rigide leggi e consuetudini da seguire per non trovarsi nei guai con la polizia.

E l’Italia? Nella classifica delle nazioni più sicure al mondo il Belpaese si piazza rovinosamente al settantesimo posto con un rating di sicurezza valutato 5.4. Un monito che lascia ampio spazio al miglioramento.

Vuoi scoprire quali sono i borghi più belli in Italia e in Europa? Clicca sopra per scoprirlo.