Telefonata interplanetaria paradossale fra abitanti della Terra

telefonata interplanetaria

In questa telefonata interplanetaria bisogna risolvere alcuni problemi: tipo la sopravvivenza di Last Chance e il possedimento della Terra. Un romanzo paradossale, in perfetto stile Douglas Adams che racconta una telefonata alquanto particolare.

L’autore

 

Gianluca Neri è l’autore del libro “il grande elenco telefonico della Terra e dei pianeti limitrofi (Giove escluso)”, il quale si dichiara un fan di Douglas Adams e della sua fortunata serie “guida galattica per autostoppisti”.

Infatti, nelle battute irriverenti, si scopre il velo di ironia che contraddistingue Douglas e per un momento si ritorna a sognare in compagnia dei suoi racconti. 

Gianluca Neri, invece, è un autore televisivo, un conduttore radiofonico e fondatore del Macchianera Italian Award, una manifestazione che premia ogni anno i migliori blog e siti italiani del web.

Questo è stato il suo libro d’esordio ed è stato pubblicato da BUR (Biblioteca Universale Rizzoli) nel 2010. Alla fine del libro si trova un’aggiunta o un bonus, come lo chiama l’autore, pubblicato da Wired in un numero speciale di luglio/agosto 2014.

 
 

 

Recensione libro

 

Last Chance conduceva una vita alquanto noiosa ma piacevole: di giorno lavorava e la pausa pranzo la trascorreva al suo pub preferito, dove c’era quella cameriera che mangiava con gli occhi assieme al suo panino.

Un giorno gli arrivò una telefonata interplanetaria inaspettata. Chi c’era all’altro capo del telefono? Un abitante di un pianeta chiamato Sedna che rivendicava la proprietà della Terra.

Costui si lamentava di averla trovata in disordine e tutta allagata. Per tranquillizzare gli animi delle altre persone, tutti gli abitanti di Sedna per la verità, che erano in sua compagnia, aveva deciso di chiamare un numero scritto su di un cartello, che recava la frase “torno subito”.

Quel numero apparteneva al nostro amico Chance solo qualche decennio prima. Il sednano chiamava infatti dal futuro lamentando di non trovare altri abitanti a cui richiedere spiegazioni.

Eravamo spariti dalla faccia della Terra senza che nessuno ne conoscesse la ragione. L’unico capace di risolvere questo districato enigma era lui: Last Chance, l’ultima possibilità.

Inizia così un dialogo surreale fatto di incomprensioni, richieste di matrimonio e incontri con Dio. Ci saremo ancora o sprecheremo con la nostra stoltezza (famosa in tutto l’universo, tra l’altro) l’ultima opportunità? Ai posteri l’ardua sentenza direbbe il Manzoni ma essendo il libro ispirato alla famosa saga di Douglas la risposta sarà, ovviamente, più assurda e paradossale.

 

Libro spassosissimo che ti consiglio caldamente di leggere soprattutto in vista di un Natale che si prospetta solitario. Ti aiuterà a trascorrere dei momenti di pura ironia e di riflettere sul nostro mondo e sulla sua interplanetaria assurdità.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *